Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tumore non operabile alla testa: bimba salvata con la terapia ai raggi protonici

Tumore inoperabile in testa: bimba salvata con la terapia sperimentale ai raggi protonici
2 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Marzo 2019, 13:04 - Ultimo aggiornamento: 22 Marzo, 15:37

Tumore inoperabile in testa: la diagnosi non lasciava speranze a Caroline Brown. Per i medici, il male che ha colpito la bimba inglese era troppo vicino al cervello. Poi, la svolta: la terapia sperimentale ai raggi protonici ha salvato la piccola. Caroline oggi a nove anni: tre anni fa è stata ricoverata in ospedale per una sospetta infezione all'orecchio che le provocava dolori, stanchezza e perdita eccessiva di peso, presunta infezione curata dai medici di Longhoughton, nel Northumberland nel Regno Unito, con gli antibiotici. Ma quella che sembrava un'infezione all'orecchio, in realtà era un tumore raro e inoperabile.

Tumore allo stomaco, i pazienti spendono 8 mila euro l'anno di tasca propria per probiotici e integratori

Le prescrivono per errore due pillole al giorno invece di due al mese: anziana muore, medici sotto inchiesta

 



Il tumore aveva colpito la piccola ai tessuti molli e si era diffuso a pochi millimetri dal suo cervello, troppo vicino ai suoi nervi facciali per poter tentare un'operazione. I medici allora hanno deciso di sperimentare su di lei una nuova terabia a base di raggi protonici. Terapia all'epoca non disponibile in Gran Bretagna e per far questo la piccola è stata ricoverata in una struttura medica degli Stati Uniti.
 

La terapia a raggi protonici ha avuto la meglio sul tumore e ha causato lievissimi effetti sulle parti sane. Ora la piccola Caroline Brown sta bene e i medici sono fiduciosi di poterla guarire completamente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA