Astrazeneca, il premier della Thailandia si vaccina per rassicurare la popolazione

Astrazeneca, il premier della Thailandia si vaccina per rassicurare la popolazione
3 Minuti di Lettura

Mentre si allunga la lista dei Paesi Ue che hanno temporaneamente sospeso la somministrazione del vaccino AstraZeneca, il premier della Thailandia ha ricevuto stamane la sua prima dose del farmaco. Lo riporta il Guardian. «Ci sono persone che sono preoccupate», ha detto il primo ministr Prayuth Chan-ocha dopo essere stato vaccinato contro il Covid. «Ma dobbiamo avere fiducia nei nostri medici, nei nostri professionisti».

Mismong si Prime Minister Prayuth Chan-ocha ang unang nabakunahan ng AstraZeneca #COVID19 vaccine sa Thailand para hikayatin ang publiko na magtiwala sa naturang bakuna.

Posted by ABS-CBN News on Monday, 15 March 2021

AstraZeneca, anche Svezia e Lettonia sospendono la somministrazione. Speranza: «Stop dopo i dati della Germania»

La settimana scorso la Thailandia era stato il primo paese al di fuori dell'Europa a sospendere temporaneamente la somministrazione di AstraZeneca, poi le autorità sanitarie hanno convinto il governo a riprenderla iniziando proprio dal premier e da altri componenti dell'esecutivo. AstraZeneca ha stretto un accordo con l'indiano Serum Institute,il più grande produttore di vaccini al mondo, per produrre miliardi di dosi di vaccino destinate ai Paesi in via di sviluppo in Asia. Altre centinaia di milioni saranno prodotte quest'anno in Australia, Giappone, Tailandia e Corea del Sud.

เช้าวันนี้ นอกจากการหารือวาระต่างๆ ก่อนการประชุม ครม. ผมได้เชิญ รอง. นรม. และคณะแพทย์ที่ปรึกษามาพบ...

Posted by ประยุทธ์ จันทร์โอชา Prayut Chan-o-cha on Monday, 15 March 2021

Astrazeneca, Galli: «Ritardo causerà dei morti, già protetto chi ha fatto prima dose»

Nelle Filippine, che hanno finora ricevuto 525.000 dosi del vaccino AstraZeneca nell'ambito dell'accordo COVAX dell'Organizzazione mondiale della sanità, sono state somministrate finora 12.788 dosi del farmaco. Il portavoce presidenziale Harry Roque, come riporta l'ABC, ha detto che il suo paese non sospenderà l'utilizzo di Astrazeneca perché i benefici della sua somministrazione superano i potenziali rischi.

Anche il ministro della Salute australiano, Greg Hunt, ha detto che il suo paese non sospenderà le vaccinazioni. In Australia sono 200.000 le persone vaccinate e si prevede di importare e produrre ancora 70 milioni di dosi di vaccino da AstraZeneca. L'ufficiale medico austrialiano, Paul Kelly, ha detto che finora non si sono prove che il vaccino causi coaguli di sangue. «I coaguli di sangue si verificano, si verificano in Australia abbastanza comunemente», ha detto. «Ma, dal mio punto di vista, non vedo che ci sia alcun legame specifico tra il vaccino AstraZeneca e i coaguli di sangue, e non sono il solo a questo avviso».

Sospensione AstraZeneca, caos prenotazioni e disagi agli hub: che succede ora?

L'India, invece, sta usando due vaccini per immunizzare la sua vasta popolazione: AstraZeneca prodotto dal Serum Institute of India e un altro dal produttore indiano di vaccini Bharat Biotech. Secondo i dati del governo, dei 25,6 milioni di persone che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino, oltre 23,4 milioni hanno ricevuto AstraZeneca, facendo così dell'India, il paese dove il vaccino nativo di Oxford è stato somministrato maggiormente.

Martedì 16 Marzo 2021, 13:13 - Ultimo aggiornamento: 13:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA