Terza dose di vaccino, in Israele la positività crolla dell'84%: il richiamo è un successo

Mercoledì 1 Settembre 2021, 11:08 - Ultimo aggiornamento: 17:25
Terza dose di vaccino, in Israele la positività crolla dell'84% con il richiamo
di Claudia Guasco
1 Minuto di Lettura

La decisione è imminente. «Sulla possibile terza dose di vaccino la nostra comunità scientifica, che è in assoluto di prim’ordine, sta facendo le sue valutazioni e presto arriveranno le sue determinazione. Ma io ritengo molto probabile che andremo nella direzione di assumere la terza dose e con tutta probabilità partiremo dai più anziani e dai più fragili», annuncia il ministro della Salute Roberto Speranza. Il Covid è tenace, le mutazioni del virus infiammano i contagi anche dove parevano sopiti, il dilagare della variante Delta è un’emergenza. L’Agenzia europea del farmaco Ema «sta aspettando una serie di dati per procedere a una valutazione in tempi rapidi» sulla terza dose, dicono fonti interne. Questione di settimane per un verdetto? «Per gli immunocompromessi sicuramente», per il richiamo esteso a tutti è «possibile» che i tempi siano più meno gli stessi.

Terza dose vaccino, Sileri: «È necessaria e si farà, priorità agli immunodepressi già in autunno»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA