Tumore al seno, ricostruzione gratuita ​per le donne che hanno superato la malattia: approvata la proposta

Venerdì 20 Dicembre 2019 di Nico Riva
Tumore al seno, ricostruzione gratuita ​per le donne che hanno superato la malattia: approvata la proposta

Ricostruzione gratuita del seno dopo esser sopravvissuta a un tumore? Non è un sogno, ma una realtà dal sapore rivoluzionario. La notizia giunge dal Messico, Stato dove il tumore al seno è fra le principali cause di morte da diversi anni. Il Congresso dello Stato centrale di Jalisco ha approvato prima lo scorso 22 agosto e poi confermato in questi giorni la proposta avanzata dalla deputata Erika Pérez García. Quest'ultima aveva infatti richiesto al Congresso di inserire la ricostruzione mammaria fra i servizi di base della Segreteria della Salute di Jalisco. Le pazienti che hanno subìto una mastectomia (asportazione chirurgica della mammella) a causa di un tumore avranno dunque diritto alle protesi e al supporto psicologico gratuito.

Perdere peso riduce il rischio del tumore al seno

Abusare di tinte per i capelli aumenta il rischio di tumore al seno, l'allarme dei medici
 

Il merito della storica decisione va alla Commissione di Igiene, Salute Pubblica e Prevenzione del Congresso di Jalisco, sito nella capitale Guadalajara, presieduto dal deputato Arturo Lemus Herrera. La ricostruzione mammaria, le protesi e l'aiuto psicologico per le pazienti saranno dunque fornite dallo Stato e messe a disposizione, per le pazienti che faranno richiesta, in opportune istituzioni di salute pubblica. La ricostruzione può arrivare a costare anche 500.000 pesos (quasi 24.000 euro). La scelta dei deputati di Jalisco rappresenta dunque un grande passo verso le donne che, a causa di un cancro, hanno perso uno o entrambi i seni. 

A maggior ragione se si considera che, da più di 10 anni, in Messico il cancro al seno è entrato a far parte delle principali cause di morte del genere femminile. Si calcolano infatti una media di 20.000 casi all'anno e solamente il 30% delle donne che subiscono questa sfortuna hanno accesso alla ricostruzione. I motivi sono i più vari: economici, geografici, sociali. Ma il cancro non guarda in faccia a nessuno, per questo la mossa del Congresso di Jalisco ha ancora più importanza e si spera che si diffonda anche a livello nazionale ed internazionale. 
 

 

Ultimo aggiornamento: 15:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sui bus e la metro di Roma le voci parlano strano: fermate “Gnogno” e “Megabyte 1”

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma