«Virus, identificati potenti anticorpi neutralizzanti». Lo studio pubblicato su Nature

Martedì 26 Maggio 2020
«Virus, identificati potenti anticorpi neutralizzanti». Lo studio pubblicato su Nature

La medicina lavora, la scienza fa passi avanti. Continua infatti la caccia degli scienziati di tutto il mondo agli anticorpi neutralizzanti in grado di contrastare il coronavirus Sars-CoV-2. Due team di scienziati cinesi sono riusciti a tracciare identikit dei possibili alleati più validi e uno di questi gruppi ha individuato in particolare un anticorpo neutralizzante che da test condotti anche sui macachi sembra promettente da esplorare per un potenziale uso clinico, avendo inibito l'infezione nei primati. I loro lavori sono stati accettati per la pubblicazione sulla rivista Nature. Gli scienziati autori del primo lavoro spiegano che l'ingresso di Sars-CoV-2 nelle cellule bersaglio dipende dal legame che si crea tra il cosiddetto dominio di legame al recettore (Rbd) della proteina Spike del virus (le caratteristiche punte che compongono la sua corona) e il recettore delle cellule, Ace2.

Vaccino anti-coronavirus nell'estate 2021, ipotesi antinfluenzale a bimbi 0-6 anni

Gli studiosi segnalano di aver isolato e caratterizzato 206 anticorpi monoclonali specifici per Rbd, derivati da singole cellule B di 8 persone infette. «Abbiamo identificato - annunciano - anticorpi con potente attività di neutralizzazione anti Sars-CoV-2 che si correla con la loro capacità di competere con Ace2 per il legame Rbd». In pratica sono in grado di bloccare l'ingresso virale. Il team unisce diverse istituzioni del gigante asiatico, dal National Clinical Research Center for Infectious Disease - Shenzhen Third People's Hospital alla Tsinghua University di Pechino. Gli scienziati Bin Ju, Qi Zhang, Jiwan Ge e colleghi spiegano che, «sorprendentemente, né gli anticorpi anti-Sars-CoV-2 né il plasma infetto hanno reagito in modo crociato con il dominio di legame al recettore Rbd dei virus “cugini della Sars o della Mers». I risultati osservati, concludono gli esperti, «suggeriscono che gli anticorpi anti-Rbd sono inibitori specifici della specie virale e quelli identificati nel lavoro potrebbero essere candidati per lo sviluppo di interventi clinici» contro il virus.

Il virologo Pregliasco: «Il calcio può ripartire e da luglio possibile un po' di pubblico»

Vaccino Pomezia-Oxford, test anche su bambini e anziani: studio passa alla fase 3

Un passo ancora in avanti lo si vede nel secondo studio: gli autori - scienziati dell'Istituto di microbiologia e dell'università dell'Accademia cinese delle scienze di Pechino - spiegano di aver isolato 2 anticorpi monoclonali umani specifici da un paziente Covid convalescente e di ritenerne interessante per gli sviluppi in particolare uno. Gli anticorpi «CA1 e CB6 hanno dimostrato una potente attività di neutralizzazione specifica» per il coronavirus Sars-CoV-2 «in vitro», evidenziano gli esperti. E in particolare «il CB6 ha inibito l'infezione nelle scimmie rhesus», un tipo di macaco, «sia in ambito profilattico», quindi preventivo del contagio, «che terapeutico». Ulteriori studi strutturali hanno rivelato che il CB6 prende di mira il sito di legame dell'enzima Ace2, recettore di Sars-CoV-2, interferendo in parole povere nelle interazioni tra il virus e le cellule bersaglio. «I nostri risultati - concludono gli autori - suggeriscono che CB6 merita un'ulteriore traslazione clinica». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA