No vax tra medici e infermieri, in Toscana sono 4.500. Il presidente Giani: «Partono le lettere di sospensione»

No vax tra medici e infermieri, in Toscana sono 4.500. Il presidente Giani: «Partono le lettere di sospensione»
2 Minuti di Lettura
Venerdì 27 Agosto 2021, 11:57 - Ultimo aggiornamento: 12:21

Medici e infermieri no vax, arriva la stretta. «Stanno partendo le lettere di sospensione per gli operatori sanitari no vax» che «in Toscana sono circa 4.500». «Chi non intende vaccinarsi non può prendersi cura degli altri».

Lo rende noto il presidente della Regione Eugenio Giani sui social. Le dosi di vaccini finora somministrate nella regione sono 4.770.104. «Oggi i nuovi casi registrati in Toscana sono 752 su 14.332 test di cui 8.615 tamponi molecolari e 5.717 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 5,25% (11,1% sulle prime diagnosi)», comunica su Twitter lo stesso Giani.

«Lotterò fino alla fine con coloro che non si vogliono fare il vaccino. Il nostro è un atteggiamento di assoluto rispetto fino al 30 settembre, dopo tiriamo le somme della nostra campagna vaccinale e chi non ha fatto il vaccino non ha più scuse», ha poi detto Giani. «Dopo quella data - ha sottolineato - chi non ha fatto il vaccino sta a casa: queste persone non si provino a venire nei luoghi pubblici perché la loro non vaccinazione per scelta è una cosa inconcepibile nell'economia e nell'interesse di una comunità che vuole superare l'emergenza sanitaria».

© RIPRODUZIONE RISERVATA