Variante Delta, allarme Iss: «In aumento l'incidenza dei contagi tra i bambini»

Variante Delta, allarme Iss: «In aumento l'incidenza dei casi tra i bambini»
di Lorena Loiacono
3 Minuti di Lettura
Sabato 14 Agosto 2021, 11:23 - Ultimo aggiornamento: 19:48

Allerta Covid tra i bambini, tornano a salire i contagi nella fascia di età sotto i 9 anni. E la variante Delta, la più diffusa in Europa, così come in Italia, continua a far crescere l’allerta per i nuovi casi in aumento. E’ quanto emerge dall’ultimo rapporto di sorveglianza integrata settimanale dell'Iss. Ora diventa fondamentale ora accelerare sui vaccini per raggiungere gli indecisi e, allo stesso tempo, portare a termine i cicli vaccinali già iniziati.

BAMBINI SOTTO OSSERVAZIONE Nell'ultima settimana è aumentata l'incidenza dei contagi da Covid fra i bambini nella fascia di età compresa tra 0 e 9 con un'incidenza leggermente superiore a 50 casi per 100.000 abitanti. E’ la la prima volta che si registrano numeri simili, da inizio di maggio. Resta invece in linea, con la settimana precedente, l'incidenza nella fascia di età 10-19, pari a 156 per 100.000 abitanti, nella fascia 20-29 è pari a 146 per 100.000 abitanti e nelle fasce 30-39 e 40-49 è pari rispettivamente a 79 e 56 per 100.000 abitanti.

Obama, cluster dopo la festa per i 60 anni: «Positivi in 74». La replica: «Presto per parlare di focolaio»

SALGONO I CONTAGI NELLA META’ DI AGOSTO Continua invece l'aumento dell'incidenza settimanale a livello nazionale: nel periodo dal 2 all'8 agosto si è registrata infatti quota 68 per 100.000 abitanti contro i 62 per 100.000 abitanti, del periodo compreso tra il 26 luglio e il 1 agosto. «L'incidenza rimane al di sopra della soglia settimanale di 50 casi ogni 100.000 abitanti - spiegano gli esperti dell’Iss - che potrebbe consentire il controllo della trasmissione basato sul contenimento ovvero sull'identificazione dei casi e sul tracciamento dei loro contatti». Ora è quindi fondamentale evitare comportamenti a rischio: la crescita dei contagi proviene da quanto accaduto due settimane fa, quindi a fine luglio, gli effetti delle vacanze di agosto si vedranno tra una settimana o due. Il timore degli esperti, che chiedono di raggiungere il massimo della vaccinazione, è che per settembre ci si ritrovi come un anno fa: con numeri ad alto rischio. «Una più elevata copertura vaccinale ed il completamento dei cicli di vaccinazione rappresentano gli strumenti principali per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus sostenuta da varianti emergenti con maggiore trasmissibilità».

No vax, intera famiglia sbarca ad Ancona: tutti positivi, un 35enne finisce in ospedale intubato

AUMENTANO LE TERAPIE INTENSIVE Il tasso di occupazione in terapia intensiva è in leggero aumento al 4%, con il numero di persone ricoverate in aumento da 258, il dato è relativo al 3 agosto, a 322 il 10 agosto. Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale aumenta invece al 5% e il numero di persone ricoverate in queste aree è in aumento: in una settimana è passato da 2.196 a 2.880. Nessuna Regione o Provincia autonoma supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA