Tonno al botulino, richiamate dal mercato 3.420 scatolette. «Allerta in tutta Europa»

Sabato 31 Agosto 2019 di Remo Sabatini
2
Tonno al botulino, richiamate dal mercato 3.420 scatolette. «Allerta in tutta Europa»

Allarme botulino nel tonno in scatola. Il richiamo, operato dalla catena di supermercati DIA il 10 agosto scorso, interessa 3.420 lattine di tonno da 900 grammi che sarebbero state contaminate dalla tossina rilevata dalle autorità sanitarie. Tossina che, oggi, è stata confermata essere presente anche dalla stessa sociètà interessata dopo l'esito delle analisi di una latta di prodotto inscatolato dalla ditta galiziana Frinsa del Noroeste, l'azienda spagnola che si occupa di produzione e vendita di diverse specialità alimentari in scatola.

Arezzo, tonno trascinato sul pavimento come un pacco: l'Asl chiude il ristorante Video
 


 

L'Agenzia spagnola per la sicurezza alimentare e Nutrizione, ha specificato che il prodotto in oggetto è il tonno in scatola in olio di semi di girasole da 900 grammi con lotto 19/154 023 02587, con data di consumo consigliato indicata al 31/12/2022. L'allerta, lanciata dalla Spagna attraverso il RASFF (Sistema rapido di allerta europeo alimenti) era scattato dopo che alcune persone, erano rimaste intossicate dopo aver mangiato una insalata preparata in casa, con il tonno in oggetto tra gli ingredienti. La contaminazione, stando a quanto finora accertato, sarebbe avvenuta durante le varie fasi di preparazione. Il prodotto, una volta ultimato e inscatolato, era stato distribuito in diverse località spagnole tra le quali Aragòn, Murcia, Navarra, Valencia e Castilla y Leòn dove sarebbe già stato ritirato. Si temono, però, esportazioni. Per questo, la (DIA) Distribuidora Internacional de Alimentaciòn, oltre a chiedere ai propri clienti di restituire il prodotto acquistato, ha istituito un numero telefonico che risponde 24 ore su 24: 912170453.

AGGIORNAMENTO
   
L'azienda ha comunicato che in seguito ai controlli effettuati il problema è limitato ad una sola lattina, aperta e maneggiata previamente alle analisi stesse. Gli ulteriori controlli sui restanti campioni del medesimo lotto hanno dato risultato negativo, così come confermato dall’unità locale sanitaria della Giunta della Galizia. Si precisa inoltre che l’azienda ha collaborato dal principio con le autorità sanitarie e augura un pronto recupero alle quattro persone colpite dall’intossicazione. «L'azienda - si fa sapere - applica nei propri stabilimenti rigidi controlli di qualità e sicurezza alimentare, ottemperando alle normative vigenti in tema di sicurezza alimentare richiesti dalle Autorità Sanitarie. Frinsa del Noroeste garantisce la salubrità dei propri prodotti ben oltre quanto richiesto dalle norme alimentari e infine, l’idoneità dei processi di lavorazione impiegati dall’azienda sono stati certificati dall’Amministrazione Pubblica».

 

Ultimo aggiornamento: 3 Settembre, 17:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma