Roma, tombino "ritoccato" con PhotoShop, il consigliere M5S Ferrara "aggiusta" la foto ma poi cancella il post

Tombino photoshoppato, il consigliere grillino Paolo Ferrara ritocca la foto per coprire un errore
3 Minuti di Lettura
Lunedì 29 Marzo 2021, 16:34

Come far sembrare un tombino funzionante? Grazie all'uso di Photoshop, il software in grado di ritoccare le immagini. E Paolo Ferrara, consigliere del movimento 5 stelle di Ostia, l'ha usato per rimediare a un errore del Campidoglio

Cosa era successo

In una strada in zona Boccea, quartiere a nord ovest di Roma, durante i lavori per il rifacimento dell'asfalto un tombino era stato inavvertitamente chiuso con il bitume. La foto è iniziata a circolare in rete ed è stata ripresa dall'account Twitter @battaglia_persa. Il consigliere Ferrara, però, ha deciso di intervenire. E ha ripreso la foto postata e ha twittato: «Dovete aspettare la fine dei lavori. Non sitamo mica ai tempi di Alemanno o Marino». L'immagine, però, non è quella che ha postato il profilo da cui è stata ripresa.

Il ritocco

Basta però guardare bene le due immagini, quella dell'account @battaglia_persa e quella postata dal consigliere dei 5 stelle, per rendersi conto che le fessure del tombino postato da Ferrara, in realtà, non ci sono. Sono state infatti aggiunte attraverso un programma di ritocco delle immagini. 

La reazione del consigliere Ferrara

«Era una risposta ironica a un messaggio ironico di un account di Italia Viva. Una volta che ho verificato che quel tombino non esiste ho detto ‘facciamo che stiamo tutti scherzando», ha detto il consigliere all'Huffington Post. «L’hanno capito tutti tranne loro di Italia Viva», risponde il consigliere 5 stelle, che ha poi rimosso il tweet di risposta.

L'ironia sui social 

Sui social, in particolare su Twitter, è subito scattata l'ironia. C'è chi ha scritto «si riesce anche a vedere l'azzurro delle acque reflue che grazie a questa amministrazione ora scorrono libere nel sottosuolo romano!», modificando ad arte l'immagine del tombino con linee azzurre. E chi ha aggiunto fiori alla foto oppure altri disegni infantili, scherzando su quanto accaduto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA