Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Salva Roma, l'assessore al Bilancio accusa M5S: «Ci vuole rispetto per la Capitale»

L'irritazione del Campidoglio
di Stefania Piras
2 Minuti di Lettura
Lunedì 3 Giugno 2019, 17:29 - Ultimo aggiornamento: 18:18

«Ci vuole rispetto per Roma». É il segnale che è partita l'artiglieria pesante se anche un livornese, il sempre prudente e silenzioso assessore al bilancio capitolino Gianni Lemmetti, lancia saette contro il governo. In Campidiglio, in queste ore, non hanno più la certezza che la norma che salva i conti pubblici della Capitale sarà approvata.

E come la sindaca ha manifestato disappunto e la sua amarezza: «La pazienza è finita», ora anche il suo delegato lancia segnali di guerra contro l'esecutivo ma soprattutto contro il Movimento 5 stelle che dovrebbe assumersi la responsabilità di aiutare la sua sindaca. 
 



Su Facebook Lemmetti ha pubblicato un post che lascia trasparire molto malcontento. «Sul 'Salva Roma' voglio dire solo poche parole. Rispetto per Roma. No agli interessi delle banche», scrive puntando il dito contro il proprio partito. 

Alle parole di Raggi e Lemmetti, si aggiungono anche quelle di un altro assessore: Antonio De Santis che scrive: «Il salva Roma consente di rinegoziare i tassi di interesse dei debiti con le banche prodotti dalle precedenti amministrazioni. Non si regalano soldi a nessuno, anzi si garantiscono risparmi per le casse pubbliche». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA