Elezioni suppletive a Roma, oggi sfida Casini, D'Elia e Matone. Orari e quartieri

Seggi aperti dalle 7 alle 23

Elezioni suppletive a Roma, oggi sfida Casini, D'Elia e Matone. Orari e quartieri
di Fabio Rossi
4 Minuti di Lettura
Domenica 16 Gennaio 2022, 09:19 - Ultimo aggiornamento: 17 Gennaio, 09:44

Il primo dato “sensibile” che sarà rilevato oggi è quello dell’affluenza, che si teme sarà molto bassa. Ma le elezioni suppletive nel collegio di Roma centro, per la Camera dei deputati, rappresentano comunque un appuntamento molto importante, anche se si celebrano a poco più di un anno dalle prossime Politiche: basti pensare che il vincitore di oggi parteciperà alla scelta del prossimo presidente della Repubblica, con le votazioni che inizieranno lunedì 24. Il seggio, peraltro, avrà il suo terzo titolare di questa legislatura. Nel 2018 questo territorio ha scelto come proprio rappresentante Paolo Gentiloni, che ha lasciato lo scranno in Parlamento una volta nominato commissario europeo. Il 1° marzo del 2020 - all’alba della pandemia da Covid - le prime suppletive hanno premiato Roberto Gualtieri, che da qualche mese era diventato ministro dell’Economia del Governo Conte 2, impostosi con ampio distacco (62 a 26 per cento) sul candidato del centrodestra, l’ex assessore capitolino al bilancio Maurizio Leo. Una volta salito in Campidoglio, anche il nuovo sindaco ha rassegnato le dimissioni.


GLI SFIDANTI
Cinque i candidati in gara: il Pd punta sulla dem Cecilia D’Elia, portavoce della Conferenza delle donne democratiche. D’Elia viene dalla classe dirigente formatasi con Walter Veltroni (di cui è stata assessora capitolina alle Pari opportunità) e ha proseguito la carriera politica accanto a Nicola Zingaretti, con il quale è stata assessora provinciale alle Politiche sociali. Sul fronte opposto se la vedrà Simonetta Matone - scelta da Lega, Fdi e Forza Italia - ex magistrato e già in corsa per fare da prosindaco, in ticket con Enrico Michetti, alle Comunali dello scorso ottobre. A fare da terzo incomodo ci sarà un altro consigliere comunale: Valerio Casini, di Italia viva, sostenuto anche da Azione e già assessore al II Municipio. Fuori dagli schieramenti la candidatura civica di Lorenzo Vanni - imprenditore che lega il suo nome allo storico locale di via Col di Lana, a Prati - e quella di Beatrice Gamberini, attivista ed esponente del coordinamento nazionale di Potere al popolo. Il M5S non ha invece presentato un proprio esponente, come successo lo scorso autunno anche alle suppletive di Primavalle, nonostante il fatto che negli ultimi mesi fosse stata ventilata una possibile candidatura dell’ex premier Giuseppe Conte.


LE OPERAZIONI
Si vota soltanto oggi, dalle 7 alle 23, nelle 218 sezioni allestite sul territorio. Sono chiamati alle urne 186.234 elettori, di cui 100.078 donne e 86.156 uomini: i residenti dei quartieri Monti, Trevi, Colonna, Campo Marzio, Ponte, Parione, Regola, Sant’Eustachio, Pigna, Campitelli, Sant’Angelo, Ripa, Borgo, Esquilino, Ludovisi, Sallustiano, Castro Pretorio, Celio, San Saba, Testaccio, Trastevere, Prati, Trionfale, Flaminio e Della Vittoria. Per votare non è obbligatorio il green pass: basterà indossare la mascherina, ovviamente presentando un documento valido e la tessera elettorale. Ma il vero rebus resta l’affluenza alle urne. Alla prevedibile freddezza dell’elettorato, per delle suppletive che si svolgono a un anno dalla fine della legislatura, si aggiungono infatti la nuova ondata del Covid, una campagna elettorale schiacciata da altri temi - a partire proprio dalla pandemia, per finire alla scelta del nuovo capo dello Stato - e il punto interrogativo che aleggia sulla durata dell’attuale Parlamento, dopo che sarà sciolto il rebus del Quirinale. Già nel 2020, alle ultime suppletive, si era presentato alle urne solo un misero 17,66 per cento degli aventi diritto.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA