Ostia, carcassa di un pesce "degli abissi" ritrovata sulla spiaggia. Allarme sui social: «Un mostro marino»

L'animale sarebbe stato avvistato in un tratto molto frequentato

Ostia, carcassa di un pesce "degli abissi" ritrovata sulla spiaggia. Allarme sui social: «Un mostro marino»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 24 Aprile 2023, 18:33 - Ultimo aggiornamento: 25 Aprile, 14:31

«Mostro marino spiaggiato». L'allarme corre sui social per una carcassa di un pesce ritrovata sulla spiaggia di Ostia. Le foto sono state pubblicate dall'account dell'utente Stefano Bruscarino. Immagini che spaventano. Perché si tratterebbe di una murena maculata di circa "120-130 cm". Come è arrivata lì? Potrebbe essersi "spiaggiata" dopo essere stata presa all'amo.

Foro Romano, svelati i depositi degli imperatori mai visti prima tra monete, tombe e bronzi

Dove è stato trovato

Come indicato nei commenti al post, la carcassa è stata trovata vicino la torretta del curvone.

Un tratto molto battuto, anche perché poco distante c'è un bar. E non lontano anche il pontile. Stefano, che sul suo profilo pubblica diverse foto del litorale laziale, non si lasciato sfuggire l'occasione per segnalare quanto ha visto e poi condividerlo sui social. "Il mostro mi sembra più chi ha fatto questo scempio", scrive un'altra utente nei commenti. E poi c'è, giustamente, chi indica: "Chiami lo 06 06 06 il comune di Rom, indicando precisamente il punto, così fanno passare la ditta per il ritiro degli animali morti".

Naufragio all'Asinara: trovato in mare un cadavere, potrebbe essere di Davide Calvia. La sorella disperata: «Aiutatemi»

Cos'è la murena maculata

Le murene sono carnivore e si nutrono principalmente di pesci più piccoli, polpi, calamari, seppie e crostacei. Si legge sul sito intotheblue. Le murene sono cosmopolite, presenti sia nei mari tropicali che in quelli temperati, anche se la grande ricchezza di specie si trova nelle barriere coralline degli oceani caldi. Pochissime specie si trovano al di fuori dei tropici o delle aree subtropicali. Vivono in profondità a diverse centinaia di metri, dove trascorrono la maggior parte del loro tempo nascosti all’interno di fessure e grotte. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA