Roma, morì a 35 anni per una dose fatale di cocaina: arrestati 6 pusher. Incastrati dalle intercettazioni

Mercoledì 12 Febbraio 2020
Roma, morì a 35 anni per una dose fatale di cocaina: arrestati 6 pusher. Incastrati dalle intercettazioni

Morì a 35 anni per una dose di cocaina. Era il 2017. Oggi i carabinieri hanno fatto scattare sei arresti per droga e rapina. Tra i fatti contestati c'è proprio la cessione di quella dose fatale di coca. I militari hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip presso il Tribunale di Velletri su richiesta della procura della Repubblica, nei confronti di sei indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo, di spaccio/detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, rapina aggravata, porto/detenzione illegale d'arma da fuoco, ricettazione e morte o lesioni come conseguenza di altro delitto. Il provvedimento trae origine da un'indagine condotta dai militari nell'arco temporale luglio 2018/settembre 2019.

Nel corso delle indagini, fanno sapere i carabinieri, sono state «ricostruite le dinamiche che avevano generato la morte di un trentacinquenne di Velletri, avvenuta il 12 dicembre 2017, dimostrando che l'evento era conseguito all'assunzione da parte della vittima di una dose di cocaina cedutagli da uno dei destinatari dell'odierna misura cautelare».
 

Sono stati inoltre identificati i due autori e il basista di una rapina a mano armata consumata il 27 luglio 2018 a una macelleria di Velletri ed è stato ricostruito l'organigramma e l'attività svolta da un sodalizio dedito allo spaccio di stupefacenti nell'area di Velletri e comuni limitrofi. Come fanno sapere i carabinieri, veniva usato un «linguaggio criptico» nelle conversazioni tra acquirenti e spacciatori: durante le trattative, lo stupefacente veniva indicato in vario modo parlando di «aperitivo», «carne», «caffè». Sono state complessivamente segnalate al prefetto di Roma 24 acquirenti. Nello stesso contesto sono stati denunciati in stato di libertà altri quattro soggetti, responsabili di violazioni in materia di stupefacenti. Nel corso delle 13 perquisizioni delegate dalla Procura della Repubblica di Velletri a carico di indagati ritenuti vicini al gruppo criminale, eseguite questa mattina, i carabinieri della compagnia di Velletri hanno trovato numerose dosi di cocaina e hashish a casa di quattro persone che sono state portate in caserma e la cui posizione è ora al vaglio.
 

 

Ultimo aggiornamento: 19:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma