ROMA

Roma, Via Tuscolana, la ciclabile blocca barelle e ambulanze

Domenica 17 Novembre 2019 di Pier Paolo Filippi
1
Un tratto della ciclabile sulla via Tuscolana che blocca ambulanze e bancarelle

Anche pochi secondi, quando si tratta di soccorrere una persona, possono fare la differenza. E quando i secondi si trasformano in minuti, ogni intervento diventa a rischio. È quello che accade ogni giorno sulla via Tuscolana, dove gli equipaggi delle ambulanze, per accedere nei palazzi, sono costretti a lunghi giri a piedi con pesanti barelle. A ostacolarli non è il traffico né sono le automobili parcheggiate in doppia fila, bensì la nuova pista ciclabile che tra le sbarre parapedonali che proteggono i tratti dove ci sono le fermate bus e i cordoli che delimitano la pista costituisce una barriera difficile da passare. A denunciarlo sono gli stessi operatori del soccorso che, esasperati, l’altra notte hanno girato un video, all’altezza della metro Giulio Agricola, per mostrare la situazione.

Da Roma a Fiumicino in bici: «Servono piste sicure, ora sono tutte abbandonate»

«Qui tutto rallenta i soccorsi ed è un caso che finora non sia accaduto niente – spiega Massimiliano Presti, capo equipaggio della Croce Medica Romana, unità mobile di rianimazione e trasporto infermi – A partire dal parcheggio, perché prima si fermava l’ambulanza vicino al marciapiede mentre ora dobbiamo lasciarla al di là della ciclabile, sulla via principale. Ma quello che è più grave è che attraversare la ciclabile con le barelle è impossibile a causa dei cordoli e delle barriere in metallo». La ciclabile ovviamente è dotata di attraversamenti pedonali ma sono troppo distanti uno dall’altro per chi lavora nell’emergenza. «Questo significa che spesso, per arrivare al palazzo da dove è arrivata la chiamata, siamo costretti a fare un lungo giro perdendo tempo prezioso, sia quando arriviamo, per scaricare la barella sia quando torniamo giù con la persona caricata. Devono intervenire, occorre prevedere più punti di attraversamento, speriamo lo facciano nel più breve tempo possibile». Anche gli operatori del 118 di Cinecittà segnalano maggiori difficoltà a causa della corsia dedicata ai ciclisti. «Soprattutto da quando abbiamo delle nuove barelle sulle ambulanze, molto più pesanti – racconta uno di loro – scavalcare la ciclabile è diventato difficile e faticoso». Da parte sua, il Municipio VII si dice disponibile a verificare quanto segnalato dagli operatori. «Sono pronta a fare un sopralluogo con loro – afferma la presidente Monica Lozzi – Se dovessero emergere delle criticità le segnalerò ai dipartimenti capitolini per gli eventuali interventi che si rendessero necessari». 
 
Ma non è questo l’unico problema causato dalla ciclabile, denunciano i residenti. «Qualche persona si è fatta male inciampando sul cordolo quando scendeva dalla macchina – spiega Leonardo Melli, un impiegato – Questo accade perché i parcheggi sono disegnati a ridosso della pista ciclabile. Chi scende dall’auto non fa in tempo ad accorgersi del cordolo e preso alla sprovvista inciampa e cade». Un pedone e un ciclista sono stati investiti in un incrocio da automobili che svoltavano. Poi ci sono le ripercussioni sulla circolazione quando intervengono alcuni mezzi dei vigili del fuoco. «A causa della ciclabile, anche i pompieri si trovano a parcheggiare i loro grossi mezzi, come l’autoscala ad esempio, al di qua della pista – continua l’uomo – In questo modo sono costretti a invadere la carreggiata e il traffico va in tilt».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma