Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rifiuti, svolta termovalorizzatore. Il deputato Pd Mancini: «Nuovo impianto, Roma cambi passo»

«Dopo anni di cassonetti pieni si è capito che serve una soluzione strutturale»

Rifiuti, svolta termovalorizzatore. Il deputato Pd Mancini: «Nuovo impianto, Roma cambi passo»
di Fabio Rossi
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 4 Maggio 2022, 00:02 - Ultimo aggiornamento: 5 Maggio, 09:20

«Siamo tutti consapevoli del consenso dei cittadini per la vera e propria svolta di Gualtieri sui rifiuti, con il termovalorizzatore». Ma «sono preoccupato della capacità delle imprese di riuscire a fare presto e bene i tanti lavori che partiranno a Roma: a mio avviso va concordata una norma per il Giubileo che preveda una riduzione delle imposte sul lavoro, che finisca in parte nelle buste paga dei dipendenti e per il resto venga utilizzata dalle aziende per le necessarie attività di formazione dei giovani e gli investimenti per la sicurezza sul lavoro».

Claudio Mancini, deputato romano e responsabile nazionale delle Città metropolitane del Pd. La Capitale è in grado di cogliere le occasioni di questi anni?

«I programmi per Roma dei prossimi anni sono ormai in campo, per effetto dei sei mesi di Gualtieri e del sostegno del Governo Draghi. È stata formata la società per il Giubileo con personalità di alto livello e avviata la candidatura per expo 2030. Stanno partendo investimenti a lungo attesi grazie ai commissariamenti per la Metro C, le tranvie il nuovo acquedotto del Peschiera, la Cisterna-Valmontone. Inoltre è stata impostata la soluzione al problema dei rifiuti: in quattro anni si può realizzare per intero il piano per non andare mai più in emergenza».

Termovalorizzatore, sì senza M5S: scontro sui poteri pieni a Gualtieri

Quali sono le incognite?

«La capacità amministrativa di una macchina pubblica atrofizzata dalla lunga inattività, ma anche la ridotta dimensione imprenditoriale nei settore dell’edilizia, dei trasporti e dei lavori pubblici. A Roma si sono persi 35 mila iscritti alla Cassa edile in 12 anni. Inoltre tanti studi professionali hanno chiuso, andando via da Roma».

Come si affronta il problema?

«Per riuscire a utilizzare gli 1,35 miliardi del Giubileo dobbiamo incentivare le imprese, con un accordo da fare insieme ai sindacati, per considerare i lavori a Roma come una priorità: abbassare il cuneo fiscale, studiando una norma che consenta a imprese incaricate dei lavori del Giubileo di avere una riduzione delle imposte sul lavoro».

Per la Città eterna possono essere utili i poteri speciali per realizzare il termovalorizzatore?

«Il varo del decreto Aiuti è stato un momento storico per Roma, con lo Stato che finalmente si occupa della sua Capitale e le consente di cambiare passo con il termovalorizzatore».

A cosa attribuisce il consenso dei cittadini sul nuovo impianto?

«In passato la maggioranza restava silenziosa su questi temi. Ora, dopo anni di cassonetti stracolmi, si è capito che serve una soluzione strutturale, come il termovalorizzatore. Non si può sottoporre la Capitale al rischio che, se si rompe un impianto in una regione che ospita i nostri rifiuti, la città vada in emergenza. Con il Giubileo poi aumenteranno i turisti, e non possiamo trovarci per un anni ad avere i problemi di smaltimento che, per esempio, si sono registrati a Pasqua».

Termovalorizzatore Roma, le garanzie dei tecnici: «Emissioni zero, il modello è quello di Copenhagen»

Come procede l’erogazione dei fondi per la Capitale?

«Nel decreto di lunedì ci sono 180 milioni di euro in tre anni per la Città metropolitana di Roma, destinati a mettere in equilibrio il bilancio dell’ente, colpito dal calo delle entrate per le immatricolazioni delle auto. Poi è stato approvato un fondo per i Comuni oltre gli 800 mila abitanti, per coprire i maggiori oneri che sono chiamati ad affrontare».

Si riusciranno a rispettare i tempi strettissimi per realizzare i progetti del Pnrr?

«Comune, Città metropolitana e Regione hanno fatto la loro parte, come programmazione e pianificazione degli investimenti, e di questo siamo molto soddisfatti. Poi c’è la partecipazione ai bandi nazionali che sono in corso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA