Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, Colosseo: c'è la Via Crucis: la mappa delle strade chiuse

Cerimonia con Papa Francesco alle 21,30. Ai Fori scatta la Green zone di sicurezza

Roma, zona Colosseo: c'è la Via Crucis: la mappa delle strade chiuse
di Alessia Marani
4 Minuti di Lettura
Venerdì 15 Aprile 2022, 00:07

Si riprende il filo della tradizione interrotto bruscamente dopo il 2019 causa Covid, stasera Papa Francesco tornerà ad animare la Via Crucis al Colosseo. Appuntamento alle 21,30 ma già da ieri notte sono in corso le bonifiche per mettere in sicurezza tutta l’area. Dalle 13 verranno allestiti i varchi di filtraggio e prefiltraggio (con transennamenti e metaldetector), due ore più tardi, alle 15, scatterà la Green zone su tutta l’area del centro e del Vaticano con la sorveglianza speciale di obiettivi e luoghi sensibili, a partire dalle basiliche fino alle sedi diplomatiche con riguardo a quelle che coinvolgono autorità russe e ucraine. L’allerta anti-terrorismo resta alta e sarà attiva anche per la veglia del Sabato e la celebrazione di domenica a San Pietro. Nella zona supersorvegliata entrerà in vigore l’ordinanza che vieta, oltre alle manifestazioni, il transito di camion e mezzi pesanti, in passato utilizzati a Berlino e a Nizza come strumento di morte contro i passanti. 


I TIMORI


Il timore dell’intelligence è che nel contesto di odio tra le due comunità in guerra, ed entrambe fortemente presenti nella Capitale, vi possano essere scintille o scaturire azioni dimostrative eclatanti, dal momento che la celebrazione del Venerdì Santo che verrà trasmessa in diretta pressoché mondiale potrebbe rappresentare un palcoscenico internazionale di prim’ordine. Per questo motivo da giorni le informative di Digos e Arma stanno passando al setaccio qualsiasi segnale d’allarme, senza tralasciare episodi estemporanei come quello dell’assalto con petardi all’ambasciata della Bielorussia, alleata di Putin. Al di là di queste ipotesi, non si sono sopite nemmeno le proteste di No Vax e No Green Pass, pronti a soffiare sul fuoco di qualsiasi protesta. 


La decisione di fare portare la croce anche a due famiglia, una ucraina e una russa (sebbene quest’ultima si sia dichiarata contro la guerra) ha già sollevato malumori tra gli ucraini. L’associazione Italo Ucraina ha fatto sapere di avere «appreso con grande stupore questa notizia». La Questura conta che saranno presenti diverse migliaia di fedeli (erano in 40mila a San Pietro nella domenica delle Palme) a cui si aggiungeranno turisti richiamati dall’evento. Sono stati rafforzati tutti i servizi di controllo e vigilanza che vedranno impegnati, con diversi gradi di coinvolgimento, fino a diecimila uomini e donne tra polizia, carabinieri, militari di “Strade sicure”, polizia locale, finanzieri, protezione civile e vigili del fuoco. 


Mobilitate tutte le unità speciali come le squadre Api e Uopi antiterrorismo, dell’antisabotaggio, con tiratori scelti posizionati a distanza a tutela del Santo Padre. La fluviale pattuglierà il Tevere, controllate anche le gallerie di servizio nel sottosuolo, per il Celio pattuglie a cavallo.

Via dei Fori Imperiali sarà chiusa al transito, dalle 13 alle 23.30, tra piazza del Colosseo e piazza Madonna di Loreto. Off-limits anche via Cavour (tra largo Venosta e largo Corrado Ricci), via degli Annibaldi, via Nicola Salvi, via Celio Vibenna e via di San Gregorio (in direzione Porta Capena mentre dalle 15 lo stop al transito scatterà anche in direzione Colosseo). Dalle 13 deviate le linee di bus e chiusa la fermata Colosseo della Metro B. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA