Roma, incubo buste esplosive: tre donne ferite in poche ore

Roma, esplosi tre pacchi bomba: al centro di smistamento di Fiumicino e in due abitazioni private. Due donne ferite
di Alessia Marani e Mirko Polisano
4 Minuti di Lettura
Lunedì 2 Marzo 2020, 20:15 - Ultimo aggiornamento: 3 Marzo, 00:13

ROMA Tre pacchi bomba fatti recapitare nella Capitale, altrettante persone ferite. Nella busta gialla un ritaglio di giornale e un innesco con polvere pirica che, attraverso un circuito elettrico, è esploso nelle mani delle due destinatarie e, un altro, in quelle dell’addetta all’ufficio postale. Tre episodi diversi che si sono registrati tra la notte di domenica e il pomeriggio di ieri. A colpire, quasi sicuramente, la stessa mano. Il primo caso si è registrato domenica nel centro di smistamento postale dell’aeroporto di Fiumicino. È qui che confluiscono - via aerea - i maggiori quantitativi di corrispondenza: 80 mila chili di posta al giorno. 

Londra, disattivati 3 pacchi bomba in stazioni metro e aeroporti: torna allarme terrorismo
Pacchi bomba in Usa, ecco chi è il manager arrestato

L’ORDIGNO
Tra questi, anche una racchiusa in una normale busta commerciale di carta gialla e regolarmente affrancata, al cui interno però conteneva un rudimentale ordigno. L’innesco era costituito dallo stesso ritaglio di giornale dal contatto tra un filo e un pezzo di carta stagnola, provocando così l’esplosione nelle mani di chi lo stava maneggiando. La donna è stata soccorsa e trasportata in ospedale per le cure: ha riportato ustioni alle mani e alle gambe. Sul posto intervenuti gli agenti della polizia per i rilievi. Un caso che sembrava isolato e su cui sta indagando la Digos, e che in poche ore si è esteso in altre zone della Capitale. Poco dopo le 18, paura in via delle Piagge al Salario. Una donna di 57 anni è rimasta ferita dopo aver aperto un pacco: ma non appena lo ha ricevuto è esploso. Nella sua abitazione sono intervenuti i soccorsi che l’hanno trasportata al policlinico Umberto I. Non è i pericolo di vita ma ha profonde lesioni alle braccia e alle mani. Poco dopo un altro plico è esploso in via Alfredo Fusco, alla Balduina, la vittima è un’altra donna di 58 anni, trasportata al Gemelli anche lei per ustioni a braccia e al viso. Le lettere erano indirizzate a due ex dipendenti delle università (Tor Vergata e Roma Tre) e a un’ex dipendente dell’Inail. Chi è il nemico delle pensionate? C’è un nuovo “unabomber” che colpisce nella Capitale? Gli investigatori abbassano i toni e sembrano avere le idee chiare su chi possa essere il mandante delle lettere esplosive.

LE IPOTESI
Nessun biglietto, né volantino rivendicativo. Il modus operandi richiama quello degli anarchici. Ma l’unico indizio che porta a questa pista è quello del confezionamento della lettera-bomba. Per il resto nessun tipo di legame con gli eversivi. Forse un folle che ha un conto in sospeso con qualcuno? Di certo tre episodi inquietanti. Polizia e carabinieri hanno immediatamente avviato accertamenti tecnici e investigativi sulle tre buste e sulle sostanze o i meccanismi che eventualmente contenevano. Accertamenti che si avvarranno di macchinari per rilevare eventuali impronte. Poter risalire a come e con quale materiale sono state confezionate le buste esplosive può mettere sulle tracce di chi le ha confezionate. Nessuna delle tre buste esplose a Roma conteneva una rivendicazione. Secondo quanto si apprende da fonti investigative, i tre ordigni sarebbero apparentemente identici e questo farebbe pensare che a confezionarli sia stata una sola mano, anche se saranno gli esami scientifici a confermare l’ipotesi.

GLI ACCERTAMENTI
Dagli accertamenti svolti finora, inoltre, non sarebbe emerso un collegamento tra le buste e fenomeni eversivi: i primi riscontri sui destinatari avrebbero fatto emergere che si tratterebbe di soggetti “sconosciuti”, senza alcun rilevanza pubblica. A parte una delle donne, moglie di un ex esponente politico comunale. Dunque potrebbe essere probabile la pista dello squilibrato e si stanno facendo verifiche sulla vita delle tre signore alle quali sono stati recapitati i plichi bomba. La paura a Roma è arrivata con una busta, una busta anonima indirizzata a persone che probabilmente non si conoscevano tra loro e che non hanno nessun incarico di rilevanza pubblica. Gli inquirenti stanno comunque ricostruendo ogni tassello di una vicenda complicata che potrebbe però arrivare a una svolta nel giro di poche ore. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA