ROMA

Roma, multe tolte ad amici e parenti: Lotito tra i 197 indagati, sequestro da oltre 1 milione

Monday 28 January 2019 di Michela Allegri
8
Roma, multe cancellate ad amici e parenti: 193 indagati tra cui Lotito, sequestro da oltre 1 milione

Nuova tranche dell’inchiesta Multopoli, che negli anni scorsi aveva già fatto tremare il dipartimento Risorse economiche del Campidoglio e l’Ufficio contravvenzioni di via Ostiense. I numeri sono da record: 197 indagati per truffa e falso, tra i quali quattro ex dirigenti e funzionari capitolini, compreso il direttore - già allontanato - del dipartimento, Pasquale Libero Pelusi. I finanzieri del Comando provinciale, coordinati dal procuratore aggiunto Paolo Ielo e dal pm Francesco Dall’Olio, hanno disposto il sequestro di più di un milione di euro. Tra i beneficiari del trattamento di favore - indagato e destinatario del provvedimento di sequestro - c’è anche il patron della Lazio, Claudio Lotito.

Multe cancellate a Roma, i legali di Lotito: «Clamoroso equivoco»

La maxindagine riguarda, appunto, anche l'ex responsabile del dipartimento risorse economiche del Comune di Roma assieme ad altri tre dipendenti. I fatti contestati risalgono al periodo che va dal 2012 al 2014. Nei confronti di Lotito la cifra sequestrata è di oltre 26mila euro. In particolare, secondo quanto accertato dal Nucleo di polizia economico finanziaria delle Fiamme gialle, il numero uno della Lazio avrebbe fatto risultare come veicoli di scorta auto riconducibili ad alcune sue aziende e che erano state multate. Il sequestro preventivo ha riguardato anche la società di autonoleggio per circa 800mila euro.
 

Tramite vari escamotage i funzionari - con la compiacenza di un carabinere in pensione e di un poliziotto, entrambi indagati - avrebbero cancellato migliaia di multe e contravvenzioni a centinaia di beneficiari. Oltre a fare passare come auto usate per servizi di scorta vetture normali, giustificando in questo modo l’annullamento della contravvenzione, gli indagati avrebbero anche utilizzato timbri originali e falsificato documenti. Insieme a Pelusi, sono stati indagati anche Patrizia Del Vecchio - soprannominata negli uffici “la zarina” -, Laura Cirelli e Maria Rita Rongoni. I fatti contestati riguardano il periodo che va dal 2012 al 2014.

L'indagine sul giro di multe illegalmente cancellate è partita dalla denuncia di una dipendente comunale che aveva notato le anomalie che avvenivano nel Dipartimento risorse economiche che, tra le varie competenze, anche quelle relative alle sanzioni amministrative e si occupa delle istruttorie sulle violazioni del codice della strada. Le indagini, in base a quanto si apprende, non hanno portato alla luce fenomeni corruttivi. Gli inquirenti hanno accerto che l'ex responsabile dell'ufficio comunale contrassegnava le istruttorie che dovevano essere archiviate e non le segnalava all'Agenzia delle entrate. In totale, dal 2008 al 2014, sono state circa 14mila le posizioni «debitorie» illegalmente cancellate per un totale di circa 16 milioni di euro. Per ragioni legate alla prescrizione circa 15 milioni di euro di multe non pagate non rientrano in questo procedimento penale ma gli accertamenti proseguiranno davanti alla Corte dei Conti dove vige un regime diverso in tema di prescrizione.
 

Ultimo aggiornamento: 29 January, 08:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani