Roma, vola giù dalla Tangenziale: Antonello muore in auto a 43 anni

Lo schianto dopo un salto di sette metri sulla circonvallazione all’altezza del Verano. A perdere la vita Antonello Crescenzi. Fatale con ogni probabilità l’alta velocità

Roma, vola giù dalla Tangenziale: muore in auto a 43 anni
di Emiliano Bernardini
4 Minuti di Lettura
Sabato 5 Marzo 2022, 22:57 - Ultimo aggiornamento: 7 Marzo, 09:50

Un volo di circa sette metri poi lo schianto sulla sottostante circonvallazione Tiburtina. E’ morto così, alle prime luci di ieri mattina Antonello Crescenzi, romano di 43 anni. Il corpo rimasto intrappolato nelle lamiere della sua Bmw è stato estratto dai vigili del fuoco che, nonostante il tempestivo intervento, non hanno potuto salvarlo. La tragedia è avvenuta ieri mattina intorno alle sette. L’uomo a bordo di una Bmw nera stava percorrendo via Tiburtina quando all’altezza del cimitero del Verano ha imboccato lo svincolo della circonvallazione in direzione San Giovanni. Ed è lì che ha perso il controllo dell’auto che, probabilmente a causa dell’elevata velocità, ha sbandato violentemente sfondando il guardrail posto a protezione e finendo di sotto. Un volo di una decina di metri che non gli ha lasciato scampo. Un boato incredibile. Il suv è rimbalzato al suolo e dopo essere caduto dalla parte del tettino si è fermato in posizione laterale. Fortunatamente l’auto è caduta sul marciapiede subito dopo il ponte del cavalcavia non coinvolgendo altre vetture che sopraggiungevano. 


Una scena agghiacciante quella che si sono trovati di fronte diversi automobilisti che hanno immediatamente chiamato i soccorsi. Sul posto sono intervenute numerose pattuglie della Polizia Locale del Gruppo II Sapienza e II Parioli. Oltre agli operatori del 118 e i vigili del fuoco. I pompieri, intervenuti con la squadra Tuscolano 3/A ed il carro fiamma, hanno estratto il corpo privo di vita del conducente della vettura rimasto incastrato nell’abitacolo.

Le indagini

Indagini da parte dei vigili urbani per ricostruire la dinamica dei fatti e capire se ci siano altri veicoli coinvolti. Non è chiaro se il 43enne abbia perso il controllo della vettura a causa di un errore o di un malore oppure di un colpo di sonno. I rottami dell’auto sono stati sequestrati per essere sottoposti a perizia tecnica. Al primo posto tra le cause c’è quella dell’alta velocità. Quello è un tratto di strada dove spesso si verificano incidenti proprio per via delle andature troppo sostenute. Inoltre, l’asfalto leggermente bagnato per via della pioggia e dell’umidità della notte precedente potrebbe essere una delle concause. Sono attesi nei prossimi giorni gli esiti dell’autopsia e i tossicologici per capire se al momento dell’incidente l’uomo era lucido o meno. Intanto gli agenti della Polizia Locale potrebbero acquisire le immagini di alcune telecamere di vigilanza di un punto di raccordo dove sono in corso lavori di demolizione delle sopraelevate. Accertamenti quindi anche sulla segnaletica stradale. Possibile, visto che una delle due corsie è chiusa, che il 43 enne abbia svoltato bruscamente per evitare le transenne e sia finito di slancio sul guardrail dalla parte opposta della strada. 

Un morto anche a Latina

Non solo Roma perché anche a Latina si è consumata una tragedia nella notte. Un 49enne ha perso la vita in un incidente stradale avvenuto sulla strada provinciale che collega Borgo Santa Maria alla località Acciarella. L’auto, secondo una ricostruzione della polizia stradale, sarebbe sbandata dopo una serie di curve finendo in un canale. È stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco per estrarre il corpo dell’uomo ma i tentativi di rianimarlo da parte del personale del 118 sono stati vani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA