ATAC

Roma, pugni all'addetta Atac sul tram: interviene Massimo Giletti

Giovedì 27 Febbraio 2020 di Lorenzo De Cicco
9
Roma, pugni all'addetta Aatc sul tram: interviene Massimo Giletti

Pugni in faccia a una verificatrice dell’Atac, in pieno giorno, nel cuore di Roma. L’ennesima aggressione a un dipendente della municipalizzata dei trasporti della Capitale. Stavolta, a intervenire e a prestare soccorso alla donna, il conduttore Massimo Giletti, che si era accostato al tram, in motorino, al semaforo.

LEGGI ANCHE Roma, passeggero prende a pugni l'autista di un autobus di linea e scappa: è caccia all'uomo

L’agguato ai danni del controllore è avvenuto poco dopo mezzogiorno, in piazza Apollodoro, al Flaminio. Il mezzo Atac era della linea 2. Una banale richiesta di esibire il biglietto ha scatenato la reazione di una passeggera, che si è scagliata contro un gruppo di verificatori, tutte donne. «Stavo in motorino - racconta Massimo Giletti a ilmessaggero.it - Ero fermo al semaforo e ho visto tutta la scena: una ragazza che menava fendenti a destra e a manca, sbraitava e si dimenava. Un gruppo di controllori cercava di contenerla, l’ha rincorsa fuori dal mezzo. Un’altra controllora è scesa subito dopo dal tram, si è accasciata a terra. Impressionante. Sono rimasto con lei, aspettando l’ambulanza. Per venti minuti, mentre la donna tremava».
 

 

È stato proprio il conduttore a chiamare i carabinieri. L’aggressione - la terza in pochi giorni - riaccende un faro sul tema della sicurezza sui mezzi pubblici di Roma. Nel 2019 si sono registrati oltre 200 episodi tra risse e agguati, in 63 casi le vittime erano dipendenti Atac. I sindacati naturalmente si dicono preoccupati: «In Atac c’è un problema serio di sicurezza - denuncia Claudio De Francesco, leader della Faisa Sicel - l’aggressione di questa mattina a una verificatrice che stava semplicemente svolgendo il proprio lavoro è emblematica. Ringraziamo Massimo Giletti per il suo intervento e per essersi messo a disposizione anche come testimone. Ora il tema va affrontato nelle sedi opportune, non c’è più tempo da perdere».

Ultimo aggiornamento: 14:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA