ROMA

Roma, rifiuti, bando a rischio: sos raccolta a Ladispoli

Domenica 15 Dicembre 2019 di Emanuele Rossi
La ditta Massimi vince il ricorso al Tar e il bando dei rifiuti rischia di essere annullato. Un colpo di scena a Ladispoli che interrompe bruscamente la nuova era della mondezza pronta al decollo dal prossimo mese di gennaio. Ora il Comune si vede costretto ad impugnare la sospensiva del tribunale amministrativo regionale, che si è espresso qualche giorno fa contestando un vizio di forma nella gara, e dando di fatto ragione all’attuale società che si occupa della raccolta dei rifiuti dal 2011, la Massimi Aurelio e Figli. Mentre la Tekneko Sistemi Ecologici, arrivata prima in graduatoria nel nuovo bando, resta ancora alla finestra. 
Una “guerra” a colpi di carte bollate che in un modo o nell’altro si risolverà il prossimo 18 dicembre quando i giudici del Tar entreranno in merito. Se l’amministrazione comunale dovesse perdere il controricorso, si giocherebbe la carta del Consiglio di stato con tempi lunghissimi e un iter praticamente congelato. Spiazzato il sindaco di Ladispoli. «La Massimi ha effettuato ben 4 ricorsi. Uno è andato a segno perché, secondo il Tar, mancherebbe una relazione preliminare sul bando di gara avviato comunque in assoluta trasparenza. È una tegola brutta, una situazione che ci mette in difficoltà vanificando, per un semplice cavillo burocratico, il lavoro svolto in tutti questi anni dai nostri funzionari e dalla maggioranza», è il commento a caldo di Alessandro Grando che è molto critico sull’argomento. 
 
«Quando il sistema permette ad un’impresa di mettere i bastoni tra le ruote ad un Comune siamo sconfitti in partenza. Dopo una riunione di Giunta convocata con urgenza abbiamo naturalmente dato incarico ai nostri legali di contrastare questa sospensiva», è la presa di posizione del primo cittadino. La rivoluzione sul settore annunciata da Palazzo Falcone resta un rebus al momento. Il delegato all’Igiene urbana, Carmelo Augello, era intervenuto il mese scorso manifestando la volontà di un “cambio di marcia” attraverso l’introduzione di spazzini di quartiere, l’installazione di ecocompattatori e di micro-chip nei mastelli della differenziata. Non meno importante per Augello il riconoscimento di premi ai cittadini “virtuosi”. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

´╗┐Botte per buttare i sacchetti e le dispute rabbiose sul web

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma