Francesco Zampaglione, arrestato il fratello del leader Tiromancino dopo una rapina in banca

Venerdì 30 Agosto 2019 di Camilla Mozzetti
Francesco Zampaglione, arrestato il fratello del leader dei Tiromancino: rapinava una banca

Prima la musica, le canzoni scritte con e per il fratello, poi la rottura con la band e la virata inattesa. Francesco Zampaglione, classe 1970, fratello del più noto Federico, leader dei Tiromancino, è stato arrestato ieri dagli agenti di polizia del Reparto Volanti e dagli uomini del commissariato di Monteverde dopo aver provato a mettere a segno una rapina nella filiale di Banca Intesa San Paolo sulla Circonvallazione Gianicolense.

Francesco Zampaglione, quel post che ora sa di beffa e sta facendo il giro del web: «Parto con le rapine»
Roma: tenta rapina in banca, in manette il fratello dell'ex cantante dei Tiromancino
 

 

Erano le 15.40 quando Zampaglione - piccoli precedenti alle spalle per droga - ha deciso di entrate nella filiale armato di una pistola priva di tappo rosso che si è poi rivelata finta. Con il volto coperto da un cappello, occhiali da sole e foulard, ha intimato agli impiegati di aprire le casse e di tirar fuori il denaro. I dipendenti della banca si sono ovviamente spaventati ma non hanno ceduto, provando a spiegare, invece, che sarebbe stato impossibile per loro aprire delle casse computerizzate che vanno a tempo. Ne è nata una colluttazione: Zampaglione ha morso il braccio di un cassiere prima di fuggire via.

LA DINAMICA
Il fratello di Federico, frontman dei "Tiromancino", è uscito dalla filiale usando una delle porte automatiche e in strada, mentre camminava a passo svelto, si è cambiato la maglietta convinto di poter così eludere qualsiasi controllo. Ma un cittadino che si trovava dentro la banca ha deciso di seguirlo a distanza e mentre lo pedinava ha chiamato il 112 specificando nel dettaglio la situazione, la dinamica della tentata rapina, la zona della città e dando delle indicazioni precise alle autorità su dove si stava dirigendo l'uomo, ignaro di essere seguito. Ed è così che gli agenti di polizia sono arrivati a Zampaglione, bloccandolo poi in via Lami, a pochi metri dalla filiale. L'uomo alla vista dei poliziotti, non ha opposto resistenza e in serata è stato trasferito nel carcere di Regina Coeli. Gli agenti hanno rinvenuto in strada la maglietta che indossava Zampaglione durante la tentata rapina e di cui si era poi disfatto una volta uscito dalla banca.

Il cantautore solo qualche anno fa aveva detto addio ai Tiromancino. Fu proprio lui in un post a darne l'annuncio: «Purtroppo dopo l'ennesima lite furibonda tra me e mio fratello Federico mi trovo a dover rinunciare mio malgrado al proseguimento del Tour». Era il settembre del 2015.
 


 

Ultimo aggiornamento: 31 Agosto, 22:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma