Roma, smog fuori controllo: stop ai veicoli più inquinanti nella fascia verde (pronta la stretta sui diesel Euro 3). Chi può circolare

Le raccomandazione del Comune: usare più mezzi pubblici, preferire veicoli elettrici e ibridi

Roma, smog fuori controllo: stop ai veicoli più inquinanti nella fascia verde (pronta la stretta sui diesel Euro 3). Chi può circolare
3 Minuti di Lettura
Giovedì 3 Novembre 2022, 10:32 - Ultimo aggiornamento: 10:38

Inquinamento a Roma, ecco la stretta: il sindaco Roberto Gualtieri ha firmato due ordinanze (n. 176 e n. 177 del 28 ottobre) che limitano la circolazione degli autoveicoli e motoveicoli piu inquinanti dal 1 novembre 2022 al 31 marzo 2023. Stop, dunque, all’interno della Fascia Verde, agli autoveicoli a benzina pre-Euro 1 ed Euro 1; e ai diesel pre-Euro 1, Euro 1 ed Euro 2. Divieto di circolazione entro l’Anello Ferroviario, invece, per gli autoveicoli a benzina Euro 2, per i diesel Euro 3 e per i motoveicoli Euro 1. I divieti si applicano dal lunedi al venerdi h24. Non valgono il sabato, la domenica e i festivi infrasettimanali e ammettono una serie di deroghe (contrassegno invalidi, veicoli di servizio ecc.). 

Smog a Roma, a Tiburtina ed Eur la maglia nera dei quartieri più inquinati

Roma, divieto di circolazione per benzina e diesel Euro 2: oggi si fermano 400mila auto

I riscaldamenti, principale fonte di inquinamento dell'aria nelle grandi città, sono ancora spenti. Da tre giorni però a Roma le centraline dell'Arpa fanno segnare picchi di smog, in particolare legati al Pm10. Nella giornata di venerdì sforamenti rispetto ai parametri vengono segnalati a Preneste, Francia, Cinecittà, Guido, Cavaliere, Fermi, Bufalotta, Cipro, Tiburtina e Malagrotta. 

Per affrontare quella che non è ancora un'emergenza, il Comune ha diffuso delle raccomandazioni. Ai soggetti a rischio viene chiesto di evitare di esporsi prolungatamente alle alte concentrazioni di inquinanti. Inoltre vengono prescritti alcuni comportamenti da tenere. Ad esempio: optare per l’uso dei trasporti pubblici evitando il più possibile l’impiego del veicolo privato a motore; utilizzare in modo condiviso l’automobile per contribuire alla riduzione dei veicoli circolanti (car pooling o car sharing); preferire veicoli elettrici, ibridi o alimentati con combustibili a basso impatto (es.metano); adottare comportamenti di guida volti alla riduzione di emissioni inquinanti (es. moderare la velocità, mantenere spento il motore se non necessario, curare la manutenzione periodica del veicolo in modo da garantire un corretto funzionamento del motore e del veicolo nel suo complesso); limitare gli orari di accensione degli impianti termici e ridurre la temperatura massima dell’aria negli edifici; optare per l’uso della bicicletta; preferire, ove possibile, spostamenti a piedi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA