Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, arriva la gara di matematica per i ragazzi delle scuole medie del V municipio

Roma, arriva la gara di matematica per i ragazzi delle scuole medie del V municipio
di Cristina Montagnaro
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 2 Dicembre 2015, 19:04

di Cristina Montagnaro

Quando ci sono da scoprire nuovi talenti la matematica è di aiuto. Si svolgerà domani 3 dicembre alle ore 9.30 la seconda edizione de “I giochi di Tullio”, una gara di matematica per gli alunni della seconda e della terza media del V municipio di Roma: più di 200 i ragazzi di 12 e 13 anni che si sfideranno a colpi di equazioni e di logica.

L’iniziativa ideata dal professore di matematica Paolo Francini, è sostenuta dal V municipio e si terrà nel liceo scientifico Tullio Levi Civita. I ragazzi delle scuole medie si divideranno in 23 squadre da 8 ragazzi ciascuna e insieme proveranno a risolvere problemi di logica e matematica nel più breve tempo possibile.

Conterà anche la velocità ed è per questo che i ragazzi più rapidi avranno un vantaggio in più. «Si tratta della prima gara di matematica a squadre per le scuole medie ospitata a Roma da un istituto superiore sul modello promosso da parte dell'Unione Matematica Italiana e rappresenta un contributo da parte del nostro istituto alla diffusione della cultura scientifica verso i più giovani»afferma Claudia Scipioni, dirigente scolastica.

A sostenere i ragazzi e a vedere le prove di matematica ci sarà anche il presidente del V municipio Giammarco Palmieri: «Questa manifestazione è un importante momento per incentivare la crescita di un atteggiamento di curiosità e interesse per la scienza e la matematica. Pensiamo che sempre più giovani debbano avvicinarsi agli studi scientifici per successivamente impegnarsi nella ricerca e nelle professioni ad alta specializzazione tecnica che sono necessarie non solo per garantire l’occupazione dei giovani ma anche per rendere l’Italia competitiva dal punto di vista economico e culturale».

Un consiglio ai ragazzi che parteciperanno arriva anche dalla vicepreside del liceo scientifico “Tullio Levi Civita” Annalisa Carletti: «E’ una bella opportunità per i ragazzi per rendersi conto di come saranno le Olimpiadi della Matematica e grazie a queste prove potranno mettere in campo le loro doti di saper collaborare tra loro in gruppo e di saper rispondere rapidamente a quesiti logico- matematici».