Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rifiuti, il garante degli scioperi a Marino: «Ama spieghi i disservizi, la pulizia è un diritto»

Rifiuti, il garante degli scioperi a Marino: «Ama spieghi i disservizi, la pulizia è un diritto»
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Luglio 2014, 11:18 - Ultimo aggiornamento: 10 Luglio, 08:25

​Il presidente dell'Autorit di garanzia per gli scioperi Roberto Alesse ha scritto ai vertici di Ama, la municipalizzata romana dei rifiuti, per chiedere spiegazioni sui problemi della raccolta e dello smaltimento nella capitale. Lo rende noto l'Autorità con una nota, precisando di aver informato dell'iniziativa il sindaco Ignazio Marino. Alesse parla di «danno all'utenza, in un settore, peraltro, particolarmente delicato, in quanto riconducibile alla salvaguardia dei diritti fondamentali delle persone».

Questo il testo della lettera inviata al presidente e amministratore delegato di Ama, Daniele Fortini: «L'Autorità riceve, da diversi mesi, numerose lamentele da parte dei cittadini utenti, che denunciano lo stato di crisi in cui versa il servizio di smaltimento dei rifiuti urbani nella Città di Roma (soprattutto con riferimento ad alcuni quartieri della Capitale) - scrive Alesse -. Alla luce delle competenze istituzionali che ci derivano espressamente dalla legge n.146 del 1990, e successive modificazioni, La invito, pertanto, a fornire, con cortese urgenza, adeguate informazioni in ordine ad eventuali situazioni conflittuali, che si manifestano all'interno dell'Azienda, dalle quali possa scaturire, in qualche modo, il danno all'utenza, in un settore, peraltro, particolarmente delicato, in quanto riconducibile alla salvaguardia dei diritti fondamentali delle persone».

© RIPRODUZIONE RISERVATA