Roma, bimbo ucciso in carcere dalla madre: penalisti si astengono dalle udienze

Roma, bimbo ucciso in carcere dalla madre: penalisti si astengono dalle udienze
1 Minuto di Lettura
Giovedì 18 Ottobre 2018, 16:37

I penalisti di Roma si sono astenuti oggi dalle udienze per ricordare la vicenda del duplice infanticidio avvenuto lo scorso 18 settembre nell'area nido del carcere di Rebibbia. Proprio sul tema delle madri e dei minori sotto i tre anni in regime di detenzione la Camera penale ha organizzato un confronto a cui hanno preso parte anche magistrati. «Non possiamo accettare l'indignazione formale e la sterile ricerca dei responsabili di quello che è accaduto - affermano in una nota gli organizzatori dell'incontro - Vogliamo domandarci perché una giovane donna affetta da seri problemi psichici e i suoi bambini siano stati, di fatto, abbandonati al loro destino. Riflettere anche sullo stato attuale della giurisprudenza in materia di misure cautelari». All'evento sono intervenuti anche il procuratore presso la corte d'appello, Giovanni Salvi, il presidente della Camera Penale di Roma, Cesare Placanica, il garante dei detenuti del Lazio, Stefano Anastasia e il presidente di Magistratura democratica, Riccardo De Vito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA