ROMA

Roma, 41 bis per Michele Senese boss della Magliana

Venerdì 30 Gennaio 2015
Michele Senese

Carcere duro per Michele Senese considerato esponente di primo piano della camorra condannato all'ergastolo perché, come mandante, aveva deciso l'uccisione di Giuseppe Carlino avvenuta a Torvaianica nel 2001.

A Carlino, esponente della banda della Maranella, Senese attribuiva la responsabilità della morte di suo fratello Gennaro. Per il delitto Carlino erano anche stati condannati all'ergastolo l'autore materiale Domenico Pagnozzi e a 30 anni di reclusione ciascuno a Raffaele Carlo Pisanelli, Giovanni De Salvio e Franco Clemente.

A sollecitare il provvedimento del carcere duro per Michele Senese era stata la Procura in persona del pm Luca Tescaroli. Nella richiesta di applicazione dell'articolo 41 bis il magistrato aveva tra l'altro sottolineato che nel corso delle indagini Senese è stato riconosciuto colpevole mentre si trovava in prigione d'aver impartito l'ordine di uccidere Carlino. Senese è stato trasferito nel penitenziario di Opera per decisione del Dap.

Ultimo aggiornamento: 31 Gennaio, 12:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA