Roma, il Colosseo si accende dei colori della Finlandia per il Centenario della sua Indipendenza

Il Colosseo (immagine di Diego Bortone)
di Sabrina Quartieri
3 Minuti di Lettura
Martedì 28 Novembre 2017, 12:26 - Ultimo aggiornamento: 29 Novembre, 17:48

Ormai è ufficiale: il prossimo 5 dicembre all’ora del crepuscolo il Colosseo si tingerà dei colori della Finlandia. Ovvero di bianco, che ricorda gli sconfinati paesaggi innevati del Paese scandinavo, e di blu, come il cielo e i suoi laghi. La notizia è stata divulgata dall’Ambasciata di via Lisbona a Roma, che ha scelto di celebrare in questo modo la vigilia del Centenario dell’Indipendenza dalla Russia, proclamata il 6 dicembre 1917: «Roma è una meta importante per i finlandesi», ha spiegato l’ambasciatore Janne Taalas, che ha aggiunto: «I miei connazionali che ogni anno vengono a visitare l’Italia sono circa 200mila e tutti, naturalmente, conoscono il Colosseo, il simbolo della cultura occidentale che condividiamo. Perciò, è un grande onore poterlo illuminare con i nostri colori e ringraziamo per questo la Città di Roma e il Ministero per i Beni Culturali».  
 

 

Sempre la stessa sera, a partire dalle ore 19, sarà possibile partecipare a una messa tipica finlandese nella chiesa di Santa Dorotea (nella via omonima), dove verranno eseguiti anche dei canti di Natale tradizionali. Ma l’appuntamento del 5 dicembre è solo uno dei tantissimi eventi che la nazione nordeuropea ha organizzato nell’anno del suo anniversario, sia in casa che all’estero. Nel nome di “Suomi Finland 100” infatti, sono state realizzate circa 5mila iniziative tra mostre, reading, concerti e attività outdoor, seguendo il tema del centenario “Insieme”, pensato per invogliare la gente a condividere spazi, tempo e festeggiamenti.
 
Per quanto riguarda invece il periodo del compleanno della Finlandia – che si è già iniziato a onorare in questi giorni - le parole d’ordine sono: organizzare coffee break nei posti di lavoro o a casa – i finlandesi bevono tantissimo caffè – illuminare ambienti di bianco e di blu e, ovviamente, issare il vessillo della nazione. Un invito che il Paese rivolge ai suoi abitanti, ma anche a quei cittadini del mondo che vogliono condividere un momento di festa di una Repubblica che crede nei valori della democrazia, dell’uguaglianza e della libertà di parola.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA