Roma, Romeo: nessuna relazione con Raggi, mi dispiace averla danneggiata

Roma, Romeo: nessuna relazione con Raggi, mi dispiace averla danneggiata
2 Minuti di Lettura
Venerdì 3 Febbraio 2017, 17:07

«Nessuna relazione con Raggi, mi dispiace averla danneggiata». Lo dice Salvatore Romeo, ex braccio destro del sindaco di Roma, riferendosi alla polizza da 30mila euro con beneficiario la stessa Raggi. 

«Leggo tante inesattezze in queste ore che necessitano una precisazione, se non altro perché stanno tirando in ballo la sindaca di Roma, Virginia Raggi, e il MoVimento 5 Stelle con mio sommo dispiacere», afferma Romeo rompendo il silenzio sulla vicenda che mette a rischio la poltrona del sindaco. «Quindi, prima che su questa storia si costruiscano castelli in aria, voglio dire che mi dispiace innanzitutto aver arrecato danno alla Sindaca e a tutto il MoVimento 5 stelle. Sottolineo che la sindaca così come tutti gli altri beneficiari non erano a conoscenza del mio operato fino a ieri», assicura Romeo. 

«Ho stipulato diverse polizze vita - scrive e spiega sul suo profilo Facebook - perché offrivano un rendimento certo. Inoltre queste polizze mi offrono, come a tutti gli investitori, la possibilità di incassare il capitale con un riscatto totale o parziale in caso ne abbia bisogno. Questi prodotti finanziari prevedono l'indicazione di un beneficiario terzo in caso di morte del contraente. Quindi, solo in caso di mia morte, eventualità su cui certamente non ho scommesso, il capitale andrebbe all'eventuale beneficiario». 

«Non avendo moglie né figli - prosegue - ho indicato fra i beneficiari, sempre e solo in caso di mia morte, le persone che più stimo. E fra queste c'è anche Virginia Raggi, l'attuale sindaco di Roma, indicata come beneficiario - in caso di mia morte - di una polizza da 30mila euro il 26 gennaio 2016, quindi prima che fosse anche solo candidata sindaco della Capitale, per una grande stima e amicizia nei suoi confronti, così come ho fatto con le altre persone negli altri prodotti finanziari su cui ho investito».



 

© RIPRODUZIONE RISERVATA