ROMA

Intesa Raggi-Minniti: pronta la lista dei nuovi sgomberi a Roma

Venerdì 1 Settembre 2017 di Simone Canettieri
52
Raggi (Ansa)

Prima esce una nota congiunta, Viminale-Campidoglio. Parla di clima «costruttivo» e punta sulla collaborazione interistituzionale - «come quella già in corso con la Regione» - che tradotta significa: il Comune grillino sull'emergenza migranti e sull'accoglienza non deve litigare con la giunta Zingaretti. Poi, dopo due ore di colloquio con il ministro dell'Interno Marco Minniti, Virginia Raggi fa il punto delle richieste: «La messa a disposizione delle caserme, quelle che hanno peraltro gli alloggi di servizio e che quindi potrebbero essere riadattate per abbassare le liste di attesa». Solo ovviamente per chi ne ha i diritti.
 

Secondo punto: intervenire «con uno strumento normativo per mettere sul mercato le oltre 200 mila case sfitte o invendute presenti a Roma». Un'operazione di questo tipo, è la linea della sindaca, «oltre ad andare incontro alle richieste delle famiglie, potrebbe rilanciare il settore dell'edilizia in crisi da anni». Il governo, continua, «ha gli strumenti per riattivare il mercato». Il piano immaginato dal Campidoglio, che necessita dell'accordo del governo come elemento essenziale, consiste in sgravi fiscali finalizzati a rimettere sul mercato gli alloggi vuoti. I risultati positivi, secondo il Comune a 5 Stelle, si sostanzierebbero su più fronti: gli enti locali potrebbero acquistare nuovi immobili da destinare all'edilizia residenziale pubblica, lo stesso mercato immobiliare verrebbe alimentato, le ristrutturazioni conseguenti rimetterebbero in moto in generale l'economia e i posti di lavoro della Capitale. Da Confedilizia arriva un plauso alla proposta: «Limite a Imu e Tasi per gli immobili locati con i contratti a canone concordato». Il primo incontro, tanto atteso, tra la sindaca e il ministro dopo lo sgombero dell'immobile di via Curtatone e i fatti di piazza Indipendenza si conclude con la soddisfazione del padrone di casa. «Sono soddisfatto - dice - quando c'è collaborazione tra istituzioni è un bene per il Paese».

IL FRONTE
I due concordano su una lista di «priorità» di nuove azioni da intraprendere. La raccomandazione di Minniti è che prima dell'intervento, nella massima collaborazione istituzionale con Prefettura e Regione, si arrivi a un censimento di chi abita nei palazzi occupati per tutelare «le fragilità». Ovvero: anziani, donne e bambini. Nella Capitale sono in tutto cento gli immobili «attenzionati».

Virginia Raggi ribadisce la linea della tolleranza zero anche nella galleria commerciale che la ospita per qualche minuto dopo l'incontro in Viminale: «Non ci sarà alcuna corsia preferenziale per chi occupa abusivamente ma l'offerta di sostegno a tutti coloro che ne hanno diritto: iscritti nelle liste di attesa per gli alloggi pubblici e persone con fragilità». Questa «consapevolezza» di Virginia Raggi, come la definiscono in Viminale, sembra essere piaciuta al ministro.

Durante l'incontro la grillina, accompagnata dall'assessore ai Servizi sociali Laura Baldassarre e dal delegato alla Sicurezza Marco Cardilli, rimette sul tavolo l'ipotesi di una moratoria sulle quote di migranti che spettano alla Capitale.

Il titolare del Viminale in un certo senso la frena subito perché dall'analisi dei flussi non c'è alcuna situazione emergenziale: gli sbarchi nelle coste italiane stanno registrando una frenata notevole. Rimane sullo sfondo, la vicenda dell'immobile sgomberato in via Curtatone, un passaggio su cui il Comune relaziona sullo stato dell'arte: ci sono ancora decine di migranti che vagano per la città e dormono per strada perché rifiutano le soluzioni proposte.
In generale, al tavolo, tutti convengono che quella pagina sia da dimenticare per come è stata gestita. Ecco perché Minniti rimanda a Raggi, che è anche sindaca della città metropolitana, l'auspicio di collaborare con le altre istituzioni soprattutto in vista della nuova circolare. «Anche sugli sgomberi - anticipa infatti la pentastellata - ci saranno delle ulteriori iniziative che il ministro porrà in essere».

Ultimo aggiornamento: 3 Settembre, 09:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma