Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Inchieste sul terremoto: dopo le false
residenze per ottenere i contributi
ci sono pure le false dichiarazioni
per l'esenzione dal ticket sanitario

Il procuratore capo Giuseppe Saieva
di Fabrizio Colarieti
1 Minuto di Lettura
Martedì 26 Settembre 2017, 21:07
RIETI - L’indagine sui «furbetti del sisma», coloro che hanno autocertificato la residenza nei comuni di Amatrice e Accumoli per ottenere il contributo di «autonoma sistemazione» (da 400 euo a 1100 mensili) è tuttora in corso e il numero degli indagati potrebbe crescere.

IL NUOVO FILONE
Ma soprattutto potrebbe allargarsi a un altro vergognoso capitolo e che pesa sulle spalle di chi potrebbe aver ottenuto, senza averne diritto, l’esenzione totale dei ticket per visite specialistiche e spese farmaceutiche (il cosiddetto codice T16), prevista peri residenti dei Comuni inseriti nel cratere e poi limitata solo a chi ha perso davvero la casa.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA