Rieti, pirolisi a Vazia: per il Comune
centrale il rispetto delle distanze

Martedì 2 Giugno 2020 di Giacomo Cavoli
Impianto di pirolisi (Archivio)
RIETI - «Siamo dell’opinione che il parere positivo espresso dalla Regione per l’impianto di pirolisi sia stato concesso in maniera leggera, non tenendo conto di diverse mancanze e irregolarità, pertanto siamo fermamente intenzionati a dare battaglia amministrativa e legale». La notizia riportata da Il Messaggero del parere positivo (ma con prescrizioni) espresso dall’Area di Valutazione di Impatto Ambientale della Regione all’impianto di pirolisi della società Ecologic World, che dovrebbe sorgere in via Fornaro a Vazia - a pochi metri di distanza dal biometano - ha di nuovo agitato gli animi del comitato cittadino “La Rotonda” che - in attesa del pronunciamento del Tar sul ricorso della Enersi Innovation contro la decisione del Consorzio Industriale di Rieti di revocare la pre-assegnazione del terreno scelto per l’impianto di biometano - torna a sfoderare l’ascia di guerra: «Nel caso della pirolisi non è stata approfondita la vicinanza dell’impianto con case, centri abitati e luoghi sensibili - insiste il comitato. - Questo è uno scenario persino peggiore del biometano e facciamo appello a Comune e Provincia affinché siano presenti alla Conferenza dei Servizi per ribadire i loro pareri negativi già espressi».
Dal Comune di Rieti, raccoglie l’istanza l’assessore all’Ambiente Claudio Valentini: «In questo momento non intendo esprimere alcun giudizio sulla questione perché siamo ancora nella fase decisoria della Conferenza dei Servizi - spiega Valentini. - Il 15 giugno è molto probabile che sarò io a essere presente in Conferenza, in rappresentanza dell’Ente: a oggi, comunque, il mio parere è in linea con quanto già espresso dal nostro ufficio Ambiente, secondo il quale l’impianto “necessita la dimostrazione del rispetto” delle distanze da case, centri abitati e insediamenti sensibili come ospedale e carcere imposte dal regolamento di igiene urbana. Il 10 marzo scorso, anche il Comune di Cittaducale aveva inviato una propria nota alla Regione, chiedendo “la verifica della compatibilità dell’impianto rispetto” all’ospedale de Lellis, “delle infrastrutture pubbliche limitrofe e delle infrastrutture di adduzione dell’acqua potabile prossime all’area di intervento, con particolare riferimento ai pozzi e agli acquedotti che servono anche il nostro territorio».

L'intervento
Sul tema delle distanze sollevato da Rieti e Cittaducale interviene anche l’ex assessore all’Ambiente della giunta Petrangeli, Carlo Ubertini, che nel 2013 modificò il regolamento di igiene urbana: «All’interno del progetto si parla di una prevalente lavorazione di materie plastiche, ma va accertato quale sia il restante materiale trattato - commenta Ubertini. - Ci sono poi elementi che farebbero pensare all’assimilazione dell’impianto a una delle industrie insalubri di prima classe elencate dal decreto ministeriale del 1994 e quindi, sulla base del regolamento comunale, si presenterebbe un problema di distanze. La pirolisi è un’industria di trattamenti rifiuti solidi plastici e se rientrasse nelle industrie insalubri che lavorano materie plastiche e sostanze chimiche dovrebbe essere edificata a 200 metri di distanza dalle case. Nel caso di Rieti la pirolisi trasforma poi l’energia termica in elettrica e, in questo caso, se fosse invece assimilabile come centrale termoelettrica, dovrebbe avere una distanza minima addirittura di 500 metri». Ultimo aggiornamento: 13:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani