Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

“Un’estate in cerca d’autore”: si parte mercoledì 13 luglio con “L’Eneide di Didone”

“Un’estate in cerca d’autore”: si parte mercoledì 13 luglio con “L’Eneide di Didone”
2 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Luglio 2022, 12:44 - Ultimo aggiornamento: 12:47

RIETI - Manca poco all’avvio della rassegna letteraria “Un’estate in cerca d’autore”, ideata dalla Biblioteca Comunale Paroniana e realizzata con il contributo del Consiglio Regionale del Lazio.

Si parte mercoledì 13 luglio, alle ore 18.30, con “L’Eneide di Didone” di Marilù Oliva. L’autrice riscrive, reinterpretandola, la storia di Enea e della regina cartaginese, da un punto di vista tutto al femminile, regalando ai lettori una versione inedita di una delle più famose storie d’amore narrate dall’epica.

Si prosegue il 14 luglio, sempre alle ore 18.30, con la presentazione della collana “Diritti e Attenti” a cura della Casa Editrice “Puntidivista”, e in particolare dei volumi “Il cucciolo senza nome”, “Eli ha tanta fame”, “L'abc di Brando” e ”Giotto vuole volare”, con la partecipazione delle due autrici, Angela Mazzia e Alessandra Tilli. Le tematiche che verranno affrontate rendono l’incontro adatto sia agli adulti che ai bambini.

Gli eventi si svolgeranno nell’affascinante chiostro del Museo Civico, in via Sant’Anna (Polo Culturale Santa Lucia).

Dopo la pausa del mese di agosto si prosegue il 2 settembre con Lorenzo Marone e il suo “Le madri non dormono mai” e il 26 settembre con Marco Marsullo, che presenterà “Tutte le volte che mi sono innamorato”. Chiuderà la rassegna, il 28 settembre, Catena Fiorello Galeano con “I cannoli di Marites”.

«Si tratta di un evento nuovo e importante – commenta l’assessore alla Cultura, Letizia Rosati - La particolarità della rassegna, che mira all’inclusione, risiede nella formula della doppia presentazione di autori e volumi: un incontro al mattino presso la Casa Circondariale di Rieti, con i detenuti, e uno nel pomeriggio, con la cittadinanza. Ci tengo a ringraziare il personale del settore che ha permesso la realizzazione di questo progetto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA