CORONAVIRUS

Rieti, coronavirus, corre su due ruote
la solidarietà: dalla Sabina
sempre attivi i bikers mirtensi
del CCmotorday

Lunedì 1 Giugno 2020 di Paolo Annibaldi

RIETI - Corre su due ruote la solidarietà in Sabina e travalica anche i confini provinciali  con i Bikers Sabini della Sezione Nord-Lazio del CCmotorday che ha sede a Poggio Mirteto, i quali non si sono mai fermati nelle emergenze, men che meno ai tempi del coronavirus.
 
La storia
I Bikers Sabini del CCmotorday rappresentano una delle 12 sezioni sparse in Italia affiliate a livello nazionale con carabinieri in servizio ed in congedo, forze dell’ordine e simpatizzanti,  che hanno dato vita, ormai da anni, ad una rete che nel caso di interventi e necessità fanno squadra a livello nazionale organizzando iniziative e raduni in tutta Italia. I rappresentanti – referenti della sezione di Poggio Mirteto nel direttivo nazionale sono Pierluigi Musiu e Giuseppe Settimi. Due esempi di azioni solidali di respiro nazionale ed internazionale sono i fondi raccolti (circa 20 mila euro) per realizzare un pozzo in Africa e il raduno nazionale fatto lo scorso anno ad Amatrice con bikers arrivati da ogni angolo della Penisola e una donazione finale di 80 mila euro per progetti di ricostruzione. Quest’anno il raduno nazionale si sarebbe dovuto svolgere in Piemonte ma l’emergenza sanitaria ha  bloccato tutto e i bikers sono restati in Sabina ma non con le mani in mano.
 
Le donazioni in Sabina
L’ultima iniziativa in ordine di tempo sabato scorso nell’area tiberina, a Nazzano, presso la Casa Famiglia "Il Desiderio Di Barbiana", una comunità diurna e residenziale per ragazzi autistici, dove i Bikers si erano già recati qualche settimana fa donando letti completi di reti e cassettoni ripostiglio. Questa volta il viaggio, rigorosamente sulle due ruote è servito per consegnare in buone quantità generi alimentari e per l'igiene personale ai ragazzi i quali, quando già sentono rombare le moto e vedono arrivare i bikers saltano di gioia e inizia la festa.
Questa iniziativa di consegna generi alimentari e prodotti per l’igiene non è avvenuta attraverso donazioni esterne ma semplicemente con gli aderenti all’associazione che, come spesso fanno, si sono autotassati per poter contribuire in maniera tangibile a portare un aiuto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani