CORONAVIRUS

Rieti, coronavirus, Sabina City Basket
di Poggio Mirteto dopo lo stop:
«Disposti a riprendere
l'attività nel periodo estivo»

Sabato 28 Marzo 2020 di Paolo Annibaldi
Sabina City Basket di Poggio Mirteto
RIETI - Anche per la realtà cestistica della Sabina City Basket di Poggio Mirteto, visto il perdurare dell’emergenza sanitaria, la stagione agonistica è finita anzitempo. Oltre 100 ragazzi iscritti ai corsi e squadre che vanno dal minibasket agli aquilotti, under 12, 16, 18 e 20 con partecipazioni ai campionati regionali Csi, Asi e Fip per quel che riguarda il  minibasket. Un bel movimento che da oltre un decennio opera in Sabina, collabora con la Npc Willie Basket Rieti alla quale ha dato diversi giocatori nei vari anni di attività e che, come tutti, ora visto l’epilogo della stagione con lo stop per tutte le attività agonistiche a livello regionale, deve iniziare a programmare la prossima stagione quando gli atleti potranno tornare ad allenarsi nel  Palazzetto dello sport del polo didattico di Poggio Mirteto e nella palestra delle scuole medie mirtensi.
 
Il direttore tecnico
Massimiliano Salustri responsabile tecnico della Sabina City basket si trova in linea con le direttive della Federazione che ha deciso lo stop a campionati ed attività. «La decisione della Fip di chiudere la stagione – spiega Salustri - mi trova perfettamente d'accordo. La salute e la sicurezza di tutti coloro che stanno vivendo questo terribile momento, vengono prima di tutto. Non poter scendere in palestra con i nostri bambini, con i nostri ragazzi per giocare il nostro meraviglioso sport è frustrante. Se ci saranno le condizioni in futuro, prorogheremo le nostre attività anche il periodo estivo. Abbiamo l'idea anche di creare qui a Poggio Mirteto un camp estivo per tutti i nostri iscritti e per tutti coloro che amano la pallacanestro».
 
La presidente
Fanno eco alle parole di Massimiliano Salustri quelle del presidente Elena Caporali. «Purtroppo era inevitabile - dice la Caporali - dato il momento terribile che stiamo vivendo. Dispiace per i nostri ragazzi per i nostri bambini che non possono scendere in palestra e divertirsi con il nostro bellissimo sport. Se ci saranno le condizioni la nostra società si impegna a continuare l'attività anche durante il periodo estivo. Vogliamo lanciare un messaggio di speranza e di positività. Aspettiamo tutti i nostri iscritti al più presto nei nostri impianti». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani