Rieti, nuovo dg dell’Asl: la volata finale per la nomina

Ospedale
2 Minuti di Lettura
Venerdì 16 Ottobre 2020, 00:10

RIETI - Volata finale per le poltrone da direttore generale delle Asl del Lazio. La Regione ha comunicato l’esito dei lavori della commissione di esperti costituita per la selezione dei soggetti idonei al conferimento degli incarichi nelle diverse Asl della regione: Rieti, Frosinone, Roma 3, Roma 2, Viterbo, Latina, oltre che delle Aziende ospedaliere di Tor Vergata e Umberto Primo. In tutto si tratta di 65 nominativi, ma per ogni Azienda c’è un elenco, redatto in rigido ordine alfabetico. Da quell’elenco il presidente della Regione Nicola Zingaretti sceglierà i manager delle diverse Aziende. Per la Asl di Rieti sono 50 gli idonei presenti in lista. Un numero elevatissimo per la Asl più piccola della regione, che evidenzia comunque un rinnovato appeal per l’Asl reatina, che negli ultimi anni ha rivalutato la propria immagine, tanto da essere diventata punto di riferimento per la sanità regionale. 
Tra i nomi che spiccano nella lista, oltre a quello dell’attuale dg Marinella D’Innocenzo, il cui rinnovo molti in queste ore danno come ‘atto incontrovertibile’, visto anche l’impegno con cui ha gestito l’emergenza terremoto prima e la pandemia Covid-19 poi e la determinazione dimostrata nel ridisegnare la rete socio sanitaria sul territorio. Sul suo nome convergono anche gli amministratori del territorio, le associazioni datoriali e di volontariato, sindacati e politica, trasversalmente intesa. Oltre alla D’Innocenzo, scorrendo la lista ci sono alcuni nomi del passato, come l’ex dg Laura Figorilli, che ottenne buoni risultati, ma non tali da consentirle la prosecuzione dell’incarico, ma anche il suo compagno Francesco Nicola Zavattaro, nome di spicco nello scacchiere regionale e la reatina Silvia Cavalli, attuale direttore amministrativo della Asl Roma 2. La commissione di esperti ha trasmesso al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti le rose di candidati, distinte per tipologie di aziende, al fine di consentire di procedere alle nomine dei dg scegliendo i soggetti che presentano i requisiti più coerenti con le caratteristiche dell’incarico da attribuire. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA