Pd, Bersani: «I cori "Fuori, fuori" dei leopoldini? Risparmino il fiato»

Lunedì 7 Novembre 2016
55

«Fuori fuori? I leopoldini possono risparmiarsi il fiato, vanno già fuori parte dei nostri. Io sto cercando di tenerli dentro, ma se segretario dice fuori fuori bisognerà rassegnarsi. Ho provato una grande amarezza. Vedo un partito che sta camminando su due gambe, l'arroganza e la sudditanza. Cosi non si va da nessuna parte». Così Pierluigi Bersani commentando a Palermo i cori di ieri alla Leopolda. Quanto all'ipotesi scissione, l'ex leader la esclude categoricamenre:  «Il partito è casa mia, non lo lascerò mai. Nel Pd ci vuole libertà, autonomia, schiena dritta, pensiero, democrazia: non chi vuole arroganza e sudditanza. Mi impressiona che tutti gli altri stiano zitti».

«Un partito che è al governo e ha la maggioranza in Parlamento e pone la fiducia sull'Italicum non può certo cavarsela con un foglietto fumoso. Penso che Renzi voglia tenersi mano libere, altrimenti ci sarebbe stato qualcosa di serio», ha continuato l'ex segretario dem. «Sul tema della costituzione non esiste una disciplina di partito. Il segretario deve dare indicazione poi ognuno sceglie con propria testa. Mi preoccupa l'incrocio tra il referendum e l'Italicum, con un 'governo del capò e parte del Parlamento nominato. Non sto parlando di noccioline. Non posso tollerare questo rischio con conseguenze gravissime, mi spiace». Quanto al futuro: «Al congresso del Pd porrò il problema della separazione della leadership del partito con la guida del governo».

La replica della Serracchiani. «Bersani non stravolga la realtà ed eviti polemiche fuori luogo: Renzi non ha mai detto 'fuorì a nessuno». Così la vicesegretaria Pd Debora Serracchiani. «Da chi è stato segretario del nostro partito ci aspettiamo compostezza e proporzione anche nella dialettica più aspra. Chi ha ricoperto alte cariche ha il compito di rappresentare sempre al meglio il partito. Nel Pd si lavora e si dovrebbe sempre lavorare per l'unità, mai per dividere. L'auspicio è che questo intento sia saldamente condiviso, anche in queste ore, da Bersani». 

Ultimo aggiornamento: 9 Novembre, 06:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La realtà virtuale dei grillini e i problemi (reali) della città

di Simone Canettieri