L'Aquila, appalti e tentata concussione: arrestato il sindaco di Tagliacozzo

L'Aquila, appalti e tentata concussione: arrestato il sindaco di Tagliacozzo
1 Minuto di Lettura
Giovedì 31 Marzo 2016, 09:57 - Ultimo aggiornamento: 1 Aprile, 09:37

E' stato arrestato dai carabinieri del Comando provinciale dell'Aquila il sindaco di Tagliacozzo, Maurizio Di Marco Testa. I carabinieri stanno dando esecuzione a una ordinanza di custodia cautelare nei confronti del sindaco, di altri amministratori, liberi professionisti e imprenditori, emessa dal gip del Tribunale di Avezzano a conclusione di un'indagine relativa ai reati di tentata concussione, turbata libertà degli incanti, frode nelle pubbliche forniture, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale ed altro. 

Il sindaco di Tagliacozzo è stato rinchiuso nel Carcere di San Nicola, ad Avezzano. Il primo cittadino, rappresentato dal legale Roberto Verdecchia, dovrà difendersi dalle accuse formulate dal procuratore capo Andrea Roberto Morichini che ipotizza reati che vanno dalla tentata concussione, alla turbata libertà degli incanti e dalla frode nelle pubbliche forniture alla falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale.

I carabinieri di Tagliacozzo, coordinati dal capitano Edoardo Commandè, hanno eseguito anche altre tre ordinanze cautelari ai domiciliari per l'assessore comunale Gabriele Venturini, per Carlo Tellone, architetto di Tagliacozzo, e Giampaolo Torrelli responsabile dell'ufficio tecnico del Comune. Per altri 5 imprenditori, tutti del posto, è scattato il divieto di esercitare l'attività d'impresa. Nel febbraio scorso, inoltre, un incendio aveva distrutto le autovetture di proprietà del sindaco parcheggiate sotto la sua abitazione. Il fatto, oggetto di indagini, era finito in Parlamento attraverso un'interrogazione al Ministro dell'interno Angelino Alfano, del deputato di Si-Sel Gianni Melilla.

© RIPRODUZIONE RISERVATA