Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tav, Conte: «Venerdì si decide. Faremo la scelta migliore per i cittadini»

Tav, Conte: «Venerdì si decide. Faremo la scelta migliore per i cittadini»
2 Minuti di Lettura
Martedì 5 Marzo 2019, 12:10 - Ultimo aggiornamento: 17:12

«Per quanto riguarda la Tav, siamo in dirittura d'arrivo, nel percorso finale, quello politico. Oggi c'è stata la prima riunione politica, abbiamo iniziato l'analisi costi benefici. Domani sera alle 8,30, riunione con i tecnici a oltranza. Credo una scelta entro venerdì». Lo ha detto il premier Giuseppe Conte, al termine del vertice di governo.

«Domani inviteremo anche i tecnici affinché ci aiutino a sviscerare tutti gli aspetti dell'analisi costi-benefici. Partiremo dall'analisi costi-benefici, da un percorso di razionalità tecnica a sui si aggiungerà un percorso di razionalità politica», aggiunge Conte spiegando che sarà al vertice di domani al suo rientro dalla Serbia e sottolineando come la riunione possa durare anche «tutta la notte». A chi gli chiede se domani sarà invitato a Palazzo Chigi anche il professor Ponti, Conte risponde: «Convocheremo anche i tecnici, che saranno chiamati a esporre l'elaborato consegnato, c'è anche un supplemento di elaborato non chiesto da me ma da Toninelli, vogliamo tutto sul tavolo per una decisione pienamente informata e consapevole».


«Siccome prenderemo la scelta migliore per i cittadini, ovviamente il governo non rischia. Mi batterò perchè non sia trascurato alcun aspetto per una decisione corretta». Lo ha detto il premier Giuseppe Conte, al termine del vertice di governo.

«Rispetto le posizioni della Lega e del M5s ma sarò garante che queste posizioni pregiudiziali non pesino sul tavolo. Partiremo dall'analisi costi-benefici». Lo ha detto il premier Giuseppe Conte, al termine del vertice di governo.  In questi giorni «non ci sarà alcuna interlocuzione con la Francia». 

«Non possiamo chiederlo ora perché significherebbe essere per il Sì alla Tav ed eventualmente chiedere di scontare il prezzo, quindi parliamo già di una fase successiva alla scelta», ha poi chiarito Conte rispondendo a chi gli chiede dell'ipotesi di chiedere un aumento di fondi all'Ue per la costruzione dell'opera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA