Riaperture: campania promossa, tre Regioni ancora in rosso. Ecco la mappa dell'Italia da lunedì 19 aprile

Riaperture: campania promossa, tre Regioni ancora in rosso. Ecco la mappa dell'Italia da lunedì 19 aprile
di Claudia Guasco
4 Minuti di Lettura
Domenica 18 Aprile 2021, 09:49 - Ultimo aggiornamento: 19 Aprile, 09:01

Cambia la mappa dei colori e da domani, lunedì 19 aprile, la maggior parte dell’Italia si tinge di arancione. L’incidenza dei contagi di Covid nel nostro Paese resta stabile, ma l’andamento registra una lenta flessione. Secondo il monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute, l’Rt nazionale è sceso a 0,85, dallo 0,92 di giorni fa. L’incidenza è di 182 nuovi casi ogni 100 mila abitanti, il tasso di occupazione delle terapie intensive è del 39%, ancora sopra la soglia d’allarme del 30% ma in lieve diminuzione. E dunque: la Campania guadagna nuovi spazi di libertà, passando dal rosso all’arancione, solo Sardegna, Puglia e Valle d’Aosta restano in rosso.

Calcetto, così torneremo a giocare: niente doccia, spogliatoi chiusi, mascherine fino a inizio partita

RIAPERTURE IN TRENTINO

Le zone gialle continuano a essere sospese, ma saranno riattivate dal 26 aprile. E i numeri sulla scrivania dei tecnici dicono che, in base all’attuale normativa, undici Regioni hanno i requisiti per passare in giallo: Lazio, Umbria, Marche, Abruzzo, Molise, Piemonte, Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Emilia Romagna. Nel frattempo da domani tornano in zona arancione anche le province di Firenze e Prato, che erano rimaste rosse la settimana scorsa: non si è verificato un netto calo dei contagi, ma in ogni caso mostrano un rallentamento così come si alleggerisce la pressione sugli ospedali. Mentre il Trentino anticipa la ripartenza: da lunedì 19 aprile bar e ristoranti potranno offrire i propri servizi di ristorazione, negli spazi all’aperto, fino alle ore 18. «E’ un segnale di speranza per il futuro nei confronti di una categoria fra le più colpite dagli effetti economici causati dalla pandemia», spiegano il presidente della provincia, Maurizio Fugatti e l’assessore al commercio e turismo, Roberto Failoni. La fuga in avanti trova supporto giuridico nella legge provinciale 3 del 2020, mai impugnata dal governo nazionale, che prevedeva, in caso di una situazione epidemiologica in attenuazione, di poter riaprire determinate attività. «I dati di oggi lo consentono - assicura Fugatti - Abbiamo un Rt in continuo calo, pari a 0,69, e un’incidenza che si attesta a 120 casi ogni 100 mila abitanti».

LE REGOLE

Per Puglia, Sardegna e Valle d’Aosta invece continuano i sacrifici. Restano in zona rossa, dove ci si può muovere solo per motivi di lavoro, salute, necessità e sempre con l’autocertificazione. Consentito rientrare nella propria residenza, domicilio o abitazione. Bar e ristoranti sono chiusi, permesso il servizio a domicilio e l’asporto (fino alle 18 per i bar). Vietate le visite a parenti e amici, a eccezione dell’aiuto a persone non autosufficienti. Chiusi cinema, teatri, palestre, piscine, centri sportivi. Via libera all’attività motoria vicino casa e sportiva nel comune, da soli e all’aperto. Chiusi i negozi – anche parrucchieri, barbieri, centri estetici – tranne servizi essenziali. In zona arancione norme meno stringenti. Ci si può spostare all’interno del proprio Comune tra le 5 e le 22, altrimenti solo per lavoro, studio, salute, necessità. Saracinesche abbassate per bar e ristoranti, sì al servizio a domicilio e asporto. Aperti i negozi, tranne i centri commerciali nei giorni festivi e pre festivi, chiusi cinema, teatri, palestre, piscine. Si può praticare sport nel proprio Comune, all’aperto e da soli, o in centri sportivi all’aperto. Consentite le visite una volta al giorno, tra le 5 e le 22, purché all’interno del Comune e due alla volta (escluse le persone disabili e i minori di 14 anni).

Italia verso la riapertura ma coprifuoco resta, cosa succede nel resto dell'Europa?

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA