COVID

Scuola, da lunedì 7 milioni di studenti in classe: resta il nodo trasporti e screening

Sabato 17 Aprile 2021
Scuola, da lunedì 7 milioni di studenti in classe: resta il nodo trasporti e screening

Il nuovo ritorno a scuola era l'impegno principale preso dal governo Draghi fin dall'inizio e, in attesa del "tutti in classe" del 26 aprile, da lunedì prossimo, 19 aprile, saranno 6 milioni e 850 mila gli alunni fisicamente in aula sugli 8,5 milioni totali degli istituti statali e paritari, secondo il sito Tuttoscuola. Sono 291 mila in più di questa settimana, tutti della Campania, che è uscita dalla zona rossa. Restano in fascia di massimo rigore Puglia, Sardegna e Valle d'Aosta, con 390 mila alunni in didattica a distanza (dad). In tutto saranno quasi un milione e 657 mila quelli ancora a casa in dad la prossima settimana.

Covid, le regole per il rientro sul posto di lavoro: ecco le norme del Ministero della Salute

Dal 26, invece, in zona gialla e arancione tutte le scuole saranno in presenza al 100%. In zona rossa le lezioni si svolgeranno in classe fino alla terza media (ora è fino alla prima), mentre alle superiori l'attività si svolgerà almeno al 50% in presenza. Si tratta di una vera svolta, se si pensa che è dal marzo 2020, da poco prima del lockdown nazionale, che nei licei non si svolgono lezioni con gli alunni al completo. Complessivamente la prossima settimana, con l'80,5% di alunni in presenza, si ritornerà ai livelli di febbraio, quando si erano sfiorati i 7 milioni in classe. Nelle 18 Regioni e Province autonome in zona arancione la percentuale di alunni in presenza oscilla tra l'81% e l'86%, mentre nelle tre in zona rossa si ferma al 51%. Il quadro sul territorio si fa più omogeneo, secondo le elaborazioni di Tuttoscuola: gli alunni in presenza raggiungono l'84% al Nord, l'83% al Centro, il 76% nelle Isole (con un calo dovuto alla Sardegna), e il 74% nelle regioni del Sud. Le province autonome di Bolzano e Trento confermano complessivamente la più alta percentuale di alunni in presenza (87%).

Roma, aree delimitate intorno alle scuole: al via strade scolastiche in 17 istituti

 

Resta il nodo trasporti e screening

I problemi legati al nuovo ritorno a scuola sono quelli di sempre: i trasporti pubblici locali e lo screening dei contagi. Per il potenziamento dei primi il ministro Enrico Giovannini ieri ha visto gli Enti locali e dato un nuovo appuntamento alla prossima settimana, con un po' di sorpresa tre Comuni e Province per l'accelerazione del governo nelle riaperture dal 26 aprile. Il premier Mario Draghi ha ricordato che sono stati stanziati 390 milioni. Per il tracciamento invece resta l'ipotesi di tamponi salivari per i bambini e antigenici per gli studenti più grandi, a campione nelle scuole, essendo impossibile per motivi di spesa e logistici effettuarli a tappeto. Si spera che con il personale scolastico vaccinato con la prima dose oltre il 73% e gli anziani over 70 oltre il 50% con almeno una dose, i giovanissimi non siano più un veicolo di infezione pericoloso come prima. I principali sindacati del settore scuola chiedono urgentemente, oltre al tracciamento e al potenziamento dei trasporti, di aggiornare i protocolli di sicurezza, di lasciare autonoma agli istituti su orari e scaglionamento di entrate e uscite e di completare al più presto la vaccinazione del personale.

Ultimo aggiornamento: 18 Aprile, 00:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA