Green pass, dove serve e quando scade? Dai ristoranti alle feste tutte le regole Covid per Pasqua e Pasquetta

Tutte le informazioni sul certificato verde

Green pass nei ristoranti e bar, alberghi e feste: tutte le regole Covid per Pasqua e Pasquetta
di Mario Landi
5 Minuti di Lettura
Sabato 16 Aprile 2022, 11:53 - Ultimo aggiornamento: 17 Aprile, 11:01

Ancora una ​Pasqua e Pasquetta con il Covid,  con le mascherine da indossare al chiuso e con il Green pass (valido) a portata di mano. Già, perché sono ancora molte le situazioni dove è previsto che venga esibito (obbligatoriamente) il certificato verde: ma cosa prevedono le regole per la Pasqua 2022? Dove serve il Green pass? Ecco le indicazioni per ristoranti (con le prenotazioni sold out fino al Primo maggio) e bar, per andare a messa, e poi per entrare negli alberghi, nei locali, per sedersi al cinema e per festeggiare in sicurezza, con le regole da rispettare fino al 30 aprile.

Chi può ottenere il Green pass e quando scade?

La Certificazione verde COVID-19 viene generata in automatico e messa a disposizione gratuitamente a chi:

- ha fatto la vaccinazione, a ogni dose di vaccino viene rilasciata una nuova certificazione

- è risultato negativo a un test molecolare nelle ultime 72 ore o antigenico rapido nelle 48 ore precedenti

- è guarito da COVID-19 da non più di sei mesi.

Quando scade il Green pass per chi ha fatto il booster?

Nel caso di somministrazione della dose di richiamo (booster), successivo al ciclo vaccinale primario, la certificazione verde COVID-19 ha una validità temporale collegata alla scadenza del sigillo elettronico qualificato, al massimo di 540 giorni, mentre prima della predetta scadenza, senza necessità di ulteriori dosi di richiamo, la PN-DGC emette una nuova certificazione verde COVID-19 con validità tecnica di ulteriori 540 giorni, dandone comunicazione all'intestatario, dispone il dpcm 2 marzo 2022 recante disposizioni di “Aggiornamento delle modalità di verifica dell’obbligo vaccinale e del Green pass”.

Come si riattiva il Green pass dopo aver contratto il virus?

Il Green Pass dopo la guarigione sarà automatico, non servirà più l'intervento del medico di base (che doveva inserire manualmente l'esito del test nel sistema nazionale). Per riattivare il certificato verde dopo aver avuto il Covid basterà il tampone negativo, antigenico o molecolare. La comunicazione per rendere automatico lo sblocco del Green pass avviene, dunque, in modo automatico.

 

Quarta dose, Ricciardi: «In autunno dovranno farla tutti, ci sarà una nuova ondata»

Omicron e Xe, perché a Shanghai il Covid è fuori controllo? Tutte le falle del vaccino Sinovac «inattivo»

Le regole al ristorante, bar, albergopiscina

Fino al 30 aprile va ricordato che sono in vigore le norme per il contenimento dell’epidemia da Covid 19, quindi rimangono gli obblighi di certificazione verde in molti luoghi, e resta prescritto anche l'uso di quel particolare tipo di mascherina più efficace nel fermare il virus della "chirurgica": la Ffp2.

Super green pass: dove serve

- piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra e di contatto, centri benessere (anche all’interno di strutture ricettive) al chiuso
- spogliatoi e docce
- convegni e congressi
- centri culturali, centri sociali e ricreativi al chiuso
- feste, comprese quelle dopo le cerimonie
- sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò
- sale da ballo e discoteche
- cinema, teatri, palazzetti dello sport
- strutture sanitarie

Green pass base

- bar e ristoranti al chiuso
- concorsi pubblici, corsi di formazione pubblici e privati
- colloqui in carcere
- spettacoli all’aperto
- stadi
- aerei
- treni
- navi e traghetti (esclusi i collegamenti nello Stretto di Messina e con le Isole Tremiti)
- pullman turistici oppure che effettuano i collegamenti tra regioni.

Dove non serve il Green pass

- in bar e ristoranti all’aperto, e in tutti gli altri spazi esterni non si dovrà più mostrare il Green pass

- per entrare nelle chiese e negli altri luoghi di culto non serve mostrare il certficato verde

- alberghi: è possibile soggiornare negli alberghi e nelle altre strutture senza avere il Green pass. I clienti che alloggiano negli alberghi e nelle strutture possono accedere a bar, ristoranti, palestre e piscine, centri benessere senza il green pass base. Chi non alloggia negli alberghi, invece, deve esibire il Green pass base per tutti i servizi che si trovano all’interno

- negozi
- uffici pubblici
- uffici postali
- banche

In tutti questi luoghi resta obbligatorio indossare la mascherina ed evitare gli assembramenti.

Mascherine chirurgica

In tutti i luoghi al chiuso fino al 30 aprile è obbligatoria la mascherina chirurgica.

- discoteca:  la mascherina può essere tolta al momento del ballo
- bar e ristoranti: deve essere indossata quando non si è al tavolo

Dove è obbligatoria la mascherina Ffp2

- aerei
- navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale
- treni
- pullman turistici oppure per il collegamento di regioni diverse
- autobus, metropolitane, tram, scuolabus
- funivie, cabinovie e seggiovie con cupola paravento
- cinema, teatri, sale da concerto, competizioni sportive all’interno dei palazzetti dello sport

© RIPRODUZIONE RISERVATA