Green pass, Giovannini: «Mai pensato a un controllore ogni bus, ma verifiche a terra a campione»

Trasporti, Giovannini: «Mai pensato a un controllore ogni bus, ma verifiche a terra a campione»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 30 Agosto 2021, 20:51

Il ministro dei trasporti Giovannini stamattina ha incontrato i sindacati dei trasporti per illustrare le linee guida del governo per contrastare il Covid-19 anche su bus e mezzi a media-lunga percorrenza. «Nessuno ha mai pensato che servisse un controllore per ogni autobus, ma come abbiamo scritto nelle linee guida, immaginiamo il controllo a terra, magari a campione - ha detto a Radio Immagina alla Festa nazionale dell'Unità di Bologna -. E in più discuteremo con sindacati e società la revisione di uno degli allegati, proprio per capire sul posto di lavoro la sicurezza dei lavoratori, perché purtroppo sappiamo che i lavoratori sono oggetto di reazioni violente».

Green pass obbligatorio a scuola da mercoledì, controlli e app per sapere chi è in regola

«Sono mesi che lavoriamo alla ripartenza»

«Non si tratta soltanto della ripartenza della scuola, si tratta della ripartenza di tante attività, per cui sono mesi che lavoriamo con le Regioni e le province autonome per programmare questa fase - continua Giovannini -. Abbiamo i tavoli prefettizi dove si incontrano le diverse componenti e definiscono i servizi aggiuntivi da mettere in campo ed eventualmente gli sfasamenti di orari. Sulla base di queste discussioni giovedì invieranno ai ministeri i loro piani».

Poi sul Green pass: «Non servirà per salire sui bus, lo abbiamo chiarito da almeno dieci giorni. Intanto si passa all'80% di capienza in zona bianca e gialla e non più il 50%. Una cosa importante di cui non tutti si sono resi conto - ha aggiunto Giovannini - è che grazie ai fondi messi in campo dai governi, precedente e attuale, le aziende di trasporto pubblico locale già quest'anno hanno aumentato mediamente del 4% l'offerta, nel corso della giornata, quindi poiché i servizi aggiuntivi sono concentrati maggiormente nelle ora di punta, immaginiamo mediamente il 15-20% di aumento, tanto è vero che a maggio e a giugno con gli studenti in presenza non mi sembra sia stato segnalato una situazione di estrema difficoltà», ha concluso Giovannini.

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA