Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mario Teran morto, l'uomo che ha ucciso Che Guevara scompaso a 80 anni dopo una lunga malattia

L'annuncio è arrivato dalla sua famiglia. È deceduto in una zona orientale della provincia di Santa Cruz

Mario Teran morto, l'uomo che ha ucciso Che Guevara scompaso a 80 anni dopo una lunga malattia
2 Minuti di Lettura
Venerdì 11 Marzo 2022, 12:50

È morto Mario Terán, passato alla storia come l'uomo che nel 1967 ha ucciso Ernesto Che Guevara. Aveva 80 anni e si è arreso dopo una lunga malattia. Lo hanno annunciato i suoi parenti. «Era umanamente finito - ha detto l'ex generale Gary Prado, che comandava il plotone che catturò El Chè vivo nella giungla del sudest della Bolivia dopo nove mesi di azioni di guerriglia - e lo abbiamo accompagnato nelle sue ultime ore. Avevamo un buon rapporto. Era un sottufficiale responsabile che ha eseguito un ordine dall'alto, e dopo ha sempre vissuto con un profilo basso». 

Stati Uniti e Venezuela tornano a parlarsi (dopo tre anni) per il petrolio: così Biden vuole isolare la Russia di Putin

Cuba, Cia coniò moneta per celebrare la vittoria contro Castro nella Baia dei Porci: il segreto svelato dopo 60 anni

Il racconto prima degli spari al Che

Terán è deceduto in una zona orientale della provincia di Santa Cruz, dove ha lasciato moglie e due figli. Anni fa, il militare aveva raccontato alla stampa i momenti vissuti prima degli spari. «È stato il momento peggiore della mia vita - disse - e ho visto "Chè" grande, molto grande, enorme. I suoi occhi brillavano luminosi. Sentivo che mi sovrastava quando mi fissava - ha ricordato - e mi dava le vertigini. Ho pensato che con un rapido movimento lui avrebbe potuto togliermi la pistola. "Stai calmo, mi disse, e mira bene! Stai per uccidere un uomo!". Io feci un passo indietro - ha concluso - fino alla soglia della porta. Chiusi gli occhi e sparai».

© RIPRODUZIONE RISERVATA