Cuba, Cia coniò moneta per celebrare la vittoria contro Castro nella Baia dei Porci: il segreto svelato dopo 60 anni

La Cia coniò moneta per celebrare la vittoria contro Castro nella Baia dei Porci: il segreto svelato dopo 60 anni
3 Minuti di Lettura
Lunedì 31 Maggio 2021, 17:52

La Cia era convinta che la rivoluzione cubana avrebbe avuto vita breve: arrivarono persino a coniare una moneta per celebrare la sconfitta di Fidel Castro e la “normalizzazione” dell'isola. Questa moneta d'argento avrebbe dovuto commemorare una vittoria anticipata nella Baia dei Porci e presenta una sagoma di Cuba con un invasore ribelle che avanza oltre un soldato castrista in primo piano. Il retro mostra una croce, uno scudo e la bandiera di Cuba con le frasi "Crociata per liberare Cuba" e "Non ci sarà fine ma vittoria". 

 

Cosa accadde in quegli anni?

Dal 1956 al 1959, il governo cubano sotto Fulgencio Batista ha combattuto una campagna alla fine senza successo contro i ribelli guidati da Fidel Castro. Il presidente Dwight Eisenhower ordinò alla CIA di rovesciare il regime di Castro. Il piano alla fine concordato - addestrare e armare gli esuli cubani per invadere Cuba nella Baia dei Porci - raggiunse la realizzazione nell'aprile 1961 sotto l'amministrazione di John F. Kennedy. L'invasione però fu un disastro: le forze militari di Castro catturarono o uccisero la stragrande maggioranza delle forze filo statunitensi entro tre giorni. L'Unione Sovietica, avendo trovato un alleato in Castro, temeva per la sopravvivenza del suo governo e ciò portò ad un aumento di tensioni tra Stati Uniti e sovietici, aprendo la strada l'anno successivo alla crisi missilistica cubana che portò il mondo sull'orlo di una guerra nucleare. 

Oggi la Cia, sul suo profilo Twitter, svela il conio di quella moneta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA