Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Barbra Streisand contro le fake news sulla guerra: «I miei nonni sono emigrati dell'Ucraina. Putin? Un grande bugiardo»

Sono tantissime le star di Hollywood scese in campo in difesa dei diritti umanitari dei civili ucraini bombardati dall'invasione dei russi. Anche l'attrice è contro la Russia e ne spiega il motivo

Barbra Streisand contro le fake news sulla guerra: «I miei nonni sono emigrati dell'Ucraina. Putin? Un grande bugiardo»
3 Minuti di Lettura
Sabato 12 Marzo 2022, 11:39 - Ultimo aggiornamento: 13 Marzo, 09:55

Le reazioni delle star di Hollywood alla guerra in Ucraina sono state massive. Nessuno della città del cinema è rimasto in silenzio di fronte all'invasione russa. Le condanne sono non tanto a livello politco quanto umanitario. le star si schierano in favore dei civili. C'è chi come Angelina Jolie si è messa la corazza del ruolo di Ambasciatrice dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifiugiati e chi come Sean Penn è andato di persona a Kiev. Chi ha scelto inzialmente il silenzio come Mila Kunis, che poi con il marito Ashton Kutcher ha aperto una raccolta fondi e chi come madonna ha gridato allo scandalo fin dal primo giorno. 

Guerra Russia.Ucraina, Barbra Streinsand contro Putin

Ora a scendere in campo contro le invasioni barbariche di Putin è anche Barbra Streisand. L'attrice, prossima a spegnere le 80 candeline (24 aprile), ricorda le sue ascendenze ucraine. L'attacco alle fake news di Putin da parte di Barbra è su twitter.

Le discendenze ucraine

«I miei nonni paterni sono emigrati dall’Ucraina e il mio cuore si spezza per le persone coraggiose che combattono questa invasione russa. La propaganda di Putin sulla “denazificazione” come motivazione della guerra è una delle grandi bugie di questo secolo. L’esercito di Putin sta deliberatamente prendendo di mira i civili violando la convenzione di Ginevra. Questo è un crimine di guerra», dice. È giusto ricordare che sia il presidente ucraino Zelensky che il Primo Ministro Groysman sono entrambi ebrei.

I post di denuncia

«La guerra mostruosa provocata di Putin è una catastrofe umanitaria poiché il suo esercito uccide indiscriminatamente donne e bambini che cercano di fuggire dalla carneficina» e ancora «Putin pensava che gli ucraini avrebbero perso rapidamente nella sua barbara invasione e le democrazie del mondo si sarebbero piegate. Invece è avvenuto l'esatto contrario».

© RIPRODUZIONE RISERVATA