Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, da Gigi Hadid a DiCaprio e Beckham: chi sono le star schierate contro la guerra (che mettono anche mano al portafoglio)

Volti noti dello spettacolo e dello sport sostengono messaggi a favore della pace sui propri social, e c'è anche chi mette mano al portafoglio per donare un aiuto economico a Kiev

Ucraina, da Gigi Haidid a DiCaprio ed Elodie: le star si mobilitano contro la guerra.
6 Minuti di Lettura
Martedì 8 Marzo 2022, 17:47 - Ultimo aggiornamento: 10 Marzo, 10:32

Dalle passerelle al grande schermo fino al mondo dello sport e della musica, lo star system internazionale si mobilita per sostenere l'Ucraina. Dalla modella Gigi Hadid a Leonardo Di Caprio, fino al calciatore David Beckam, alle star della musica Elodie e Madonna, centinaia di vip hanno affermato di non poter restare indifferenti di fronte alle immagini di dolore che continuano a arrivare dal paese sotto attacco. Molti di loro hanno condannato sui social l'invasione russa, pubblicato messaggi di pace e prestato la propria immagine nota per sostenere donazioni e iniziative di solidarietà a favore del popolo ucraino. C'è stato persino chi, come di DiCaprio, ha rivelato legami di sangue con l'Ucraina. E non è mancato chi ha messo mano al portafoglio donando direttamente qualche "milione". Eccoli tutti.

Il messaggio di Hadid  «L'Ucraina come la mia Palestina»

La modella Gigi Hadid ha annunciato sul proprio profilo Instagram che devolverà i guadagni delle sue sfilate per l'autunno 2022 a coloro che stanno soffrendo per la guerra in Ucraina. La ventiseienne di origini palestinesi ha detto che la tragedia Ucraina le ricorda la storia del suo popolo, segnata da conflitti e guerre e ha condiviso sui social un messaggio di pace:  «I nostri occhi e i nostri cuori devono essere aperti all'ingiustizia degli uomini. Dobbiamo vedere gli altri come fratelli e sorelle, al di là della politica, della religione e della razza. Alla fine della giornata, sono gli innocenti a pagare i costi della guerra, non i leader. Giù le mani dall'Ucraina, giù le mani dalla Palestina, Pace Pace Pace»

Leonardo DiCaprio ha donato 10 milioni, la nonna era di Odessa 

Anche l'Oscar Leonardo DiCaprio non si è girato dall'altra parte di fronte alla tragedia urcraina. L'attore ha donato 10 milioni di dollari in favore del popolo ucraino, ricordando che la nonna materna, Elena Smirnova, scomparsa a 90 anni nel 2008, era originaria di Odessa, città sul mar Nero finita nel mirino dei russi.  Secondo la Gsa News si tratta della somma più cospicua finora donata al Paese sotto attacco russo. 

Aston Kutcher e Mila Kunis lanciano una raccolta da 30 milioni di dollari

Anche la modella Mila Kunis nata nel 1983 in Ucraina e emigrata negli Stati Uniti nel 1991 ha ricordato le proprie origini e ha donato 3 milioni di dollari in favore del suo popolo "non sono mai stata più orgogliosa di essere ucraina" ha detto. Su Instagram ha poi pubblicato un video insieme al marito Ashton Kutcher, per pubblicizzare una raccolta fondi su GoFundMe per aiutare i rifugiati: l'obiettivo è raggiungere i 30 milioni di dollari

Tra le star di Hollywood che si sono schierate per l'Ucraina c'è anche l'attrice di Gossip Girl Blake Lively, che insieme a Ryan Reynolds ha annunciato una donazione di 1 milione di dollari all'UNHCR, l'agenzia per le nazioni unite che sostiene i rifugiati.  

David Beckham e l'appello per salvare i bambini 

Un messaggio di sostegno dedicato ai bambini è arrivato anche dal mondo dello sport: su Instagram David Beckham ha invitato i suoi fan a fare donazioni in favore dell'Unicef:  «La situazione in Ucraina è devastante e terrificante per la sua popolazione. Come per qualsiasi altro genitore, spezza il cuore vedere l'effetto della guerra su bambini innocenti, che ora vivono in zone belliche. Con l'aumento del conflitto, crescono i bisogni dei bambini».

Madonna, la regina del Pop contro Putin in un video

Non solo cinema e sport. Per l'Ucraina si è mossa anche la regina del pop Madonna, cheè stata tra le prime a mobilitarsi, condividendo sul suo profilo Instagram una video denuncia contro la guerra, il giorno dopo dell'invasione.  «Ho ascoltato le tue bugie e tutte le tue storie... e non ce la faccio più» dice la cantante nel video che rivisita la sua canzone Sorry in chiave attuale inserendo le immagini di palazzi bombardati e civili feriti. Nel video il volto di Putin viene sovrapposto a quello di Hitler. 

In Italia Elodie e Chiara Ferragni 

In Italia la cantante Elodie ha deciso di donare tutti i guadagni del suo singolo in usctia l'8 marzo "Bagno a Mezzanotte" ai progetti di Save The Children in Ucraina e nei paesi confinanti per sostenere i bambini e le bambine in fuga dalla guerra.  

Tra le prime a mobilitarsi c'è stata anche l'influencer Chiara Ferragni, che ha annunciato di voler sostenere la Croce Rossa  «Si sono mobilitati dal primo momento per dare un aiuto concreto alla popolazione ucraina e soprattutto hanno un piano emergenziale per continuare a supportarla nelle prossime settimane» ha detto l'imprenditrice  «Il team di Croce Rossa mi ha spiegato che nei prossimi giorni partirà un convoglio di aiuti umanitari, quindi cibo e medicine per la popolazione ucraina. Io ho fatto la mia donazione, ricordatevi che qualsiasi aiuto è importante, possiamo fare la differenza insieme». Non sono mancate le critiche e i commenti degli haters, che l'hanno accusata in un primo momento di essere rimasta in silenzio, e poi di aver pubblicato un video inutile. Ma come ha ribadito la sorella Valentina Ferragni in un post di fronte al dramma in corso  «Non c'è spazio per l'odio e per le polemiche».

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Elodie (@elodie)

© RIPRODUZIONE RISERVATA