Esotici safari sotto casa

4 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Ottobre 2014, 06:24

GLI ITINERARI
L'avventura più eccitante, almeno per cinque giorni alla settimana, è anche per i più piccoli cercare di uscire indenni dalle paludi del tran tran quotidiano, pendolante alla velocità della luce tra sveglia, scuola, sport e nanna. Al massimo, qualche brivido in più, può suscitarlo l'incontro ravvicinato con il gatto pazzo della vicina che ha deciso di dormire e non solo sul cofano dell'auto o con la zanzara che felice gode di quest'estate prolungata sulla pelle di famiglia. Eppure basta poco per trovare un po' di avventura vera con animali feroci o quantomeno esotici, comunque bellissimi, da incontrare e avvicinare. E rendere così, almeno il week-end, una mini vacanza per bambini e ragazzi. Anzi, un vero safari sotto casa, da organizzare in giro per l'Italia. I vecchi zoo? Roba da cartoline in bianco e nero. Ora è tutta un'altra storia. O meglio, un'altra geografia.
DUE CONTINENTI
A cominciare dal Nord, e precisamente da Cumiana, vicino a Torino, dove c'è Zoom, un'area che raggruppa Africa e Asia, da esplorare in poche ore. Pronti? Partenza da Sumatra e dall'India tra antilopi e tigri, si arriva a Petra per avvistare rapaci come aquile e avvoltoi. C'è il Madagascar con le isole dei pellicani e dei fenicotteri, i lemuri e le tartarughe giganti, Bolder Beach simile a quella del Capo in Sudafrica con centinaia di pinguini e all'improvviso il parco del Serengeti con giraffe, zebre, impala e marabù. Non basta? No, non basta. Quest'anno la grande novità sono le evoluzioni subacquee di due ippopotami. Da godere davanti al vetro della grande vasca che riproduce l'ecosistema del lago Malawi con migliaia di pesci colorati. I biglietti vanno dai 15 ai 20 euro, info su wwwzoomtorino.it
FELINI&CO.
Sì va beh, ma i leoni? Allo Zoosafari Fasanolandia, in provincia di Brindisi, si possono provare le emozioni africane. Tutti in macchina, per tre chilometri, tra tigri, leoni, elefanti, antilopi, giraffe, bisonti, zebre e cammelli. In tutto 1.700 esemplari di 200 specie da ammirare anche con il Metrozoo, trenino panoramico che porta al lago dei grandi mammiferi tra rinoceronti e gibboni (ticket da 15 euro, www.zoosafari.it). Vicino c'è anche il parco divertimenti. Proprio come al Safari Ravenna, proprio davanti a Mirabilandia. Il percorso è quello classico a bordo di un proprio mezzo o quello avventuroso con una macchinina elettrica o, ancora, quello didattico con il trenino. Ecco il trenino, che richiede un prezzo extra, è davvero particolare perché si è letteralmente assaltati dai babbuini e da altre scimmiette. Grazie alle guide si possono imparare i segreti degli animali e accarezzare le specie più mansuete (www.safariravenna.it, biglietti fino a 25 euro, tante le promozioni con gli altri parchi della Romagna).
Chi cerca l'Africa tutto l'anno la trova nel cuore della Capitale. Villa Borghese ospita infatti dagli inizi del Novecento, lo zoo, ora Bioparco, dove vengono protette le specie a rischio di estinzione in habitat naturali, ricostruiti perfettamente. Così a parte leoni e tigri, ci sono usitinì e tamarini, ovvero le scimmie più piccole del mondo, e le zebre africane di Grey, i draghi di Komodo, lucertoloni che raggiungono anche i tre metri di lunghezza e pesci alieni che hanno invaso il Mediterraneo. Un capitolo a parte meritano le giraffe, da sempre beniamine del Bioparco. Questo sabato giornata dedicata “A sua altezza la Giraffa”: le famiglie saranno accolte al Bioparco da una giraffa alta 4 metri con cui scattare una foto ricordo, poi laboratori interattivi e infine genitori contro figli in un quizzone gigante (info: www.bioparco.it).
L'OASI
Tutt'altre altezze, però, raggiungono gli animali presenti nell'Oasi di Sant'Alessio. Siamo in provincia di Pavia, qui nulla è ricostruito, ma è natura incontaminata e intatta con alberi caduti e lasciati lì per far nascere rigoglioso il sottobosco tra felci e piante rare. Proprio per questo è qui che sono tornati a nidificare gli aironi dell'Africa, ed è qui che hanno trovato casa accogliente i cavalli di Przewalski conosciuti anche come Pony della Mongolia. Volano falchi, allocchi e barbagianni - i più coraggiosi potranno tenerli sul pugno come veri falconieri. La chicca: un tunnel sotterraneo per spiare il fiume e i suoi abitanti (chiuderà a dicembre, biglietti da 13 euro, info: www.oasisantalessio.org).
Un salto nella preistoria, invece, nel Bioparco di Sicilia, in località Carini, provincia di Palermo, dove, tra più di 57 specie diverse tra scimpanzé, lemuri, wallaby di Benneth, zebre di Grant, suricati, capre tibetane, asino grigio siciliano, dromedari, lama, c'è un'area dove sono stati ricostruiti 20 modelli di mega dinosauri. Una visione pazzesca e didattica (chiude a dicembre ticket da 6,50 euro, info:www.bioparcodisicilia.it)
E alla fine si torna a casa. O meglio, alla Casa delle farfalle a Milano Marittima una serra di 5.000 metri quadri dove le farfalle nascono, vivono e volano liberamente. È l'ultimo weekend dell'anno per vedere l'ecosistema, completato da chiocciole giganti, piante carnivore e fiori esotici. Accanto c'è la Casa degli Insetti con grilli, mantidi, insetti stecco, api, coleotteri e altre stravaganti specie (tariffe da 5 euro, info: www.atlantide.net).
Alessandra Spinelli
© RIPRODUZIONE RISERVATA