Servizi rifiuti e trasporti sotto pressione per colpa del Covid e delle quarantene

Servizi rifiuti e trasporti sotto pressione per colpa del Covid e delle quarantene
di Rita Cammarone
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 5 Gennaio 2022, 05:03 - Ultimo aggiornamento: 15:15

L'elevato numero di contagi Covid ad Aprilia sta mettendo a dura prova la raccolta dei rifiuti che necessita di una procedura ad hoc. Ieri il sindaco Antonio Terra ha avuto un incontro con la Progetto Ambiente per trovare una via di uscita dalla situazione diventata ormai ingestibile. «Abbiamo pensato ha spiegato di portare a 21 giorni la presa incarico dei rifiuti Covid a far data dalla comunicazione di positività (o di inizio quarantena?). Questo perché al momento, in base alla banca dati disponibile, abbiamo 1.960 utenze da trattare diversamente rispetto al normale servizio, con numeri che crescono di giorno in giorno. Il fatto è che non c'è tempestività nelle comunicazioni relative alle guarigioni, pertanto è un continuo telefonare, cercare, contattare. Non ci si capisce più niente. In assenza di chiusura della posizione del paziente, abbiamo pensato che garantire il servizio rifiuti Covid per 21 giorni sia più che sufficiente. Chiederemo parere al Dipartimento di prevenzione della Asl di Latina».

La procedura per i rifiuti Covid prevede attualmente il ritiro due volte a settimana - da parte di operatori dedicati - dell'immondizia che non va sottoposta a differenziazione e che va esposta in doppia busta. «Con i numeri che crescono ha lamentato il sindaco si va incontro a problemi organizzativi e a costi aggiuntivi».

L'azienda speciale Abc Latina ha invece lamentato sofferenze per le assenze del personale dovute al Covid: «A seguito dell'acuirsi dell'emergenza sanitaria che ha coinvolto anche diversi dipendenti della Abc recita una nota stampa diffusa ieri - si segnala che in questi giorni si potrebbero verificare eventuali ritardi nel servizio di raccolta dell'indifferenziato nelle aree servite dal vecchio sistema di raccolta differenziata. L'azienda registra l'assenza del 23% circa della forza operativa, una percentuale riconducibile - per oltre la metà - al Covid (quarantena, isolamento o malattia). Da subito, Abc si è attivata per evitare eventuali situazioni di disagio alla comunità cittadina, riorganizzando adeguatamente i turni di lavoro». Tre autisti positivi al Covid e uno in isolamento, su un totale di 56. Questa la situazione a ieri all'interno della Csc, che a Latina gestisce il servizio di trasporto pubblico locale. «Al momento non ci sono ripercussioni sul servizio - ha spiegato il direttore tecnico Francesco Petrassi ma è evidente che siamo in emergenza. Le assenze per Covid, a cui si aggiungono anche quelle per quarantena poiché non tutti hanno ancora la terza dose di vaccino, si avvicinano al 10%. Se i numeri dovessero aumentare potremmo andare in sofferenza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA