Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nessuna protesta dei balneari: spiagge piene e auto in coda lungo il litorale pontino

Nessuna protesta dei balneari: spiagge piene e auto in coda lungo il litorale pontino
3 Minuti di Lettura
Venerdì 3 Giugno 2022, 12:09

Un 2 giugno che si traveste da ferragosto. Caldo asfissiante, temperature decisamente oltre la media. Un'estate giunta con molto anticipo a Sabaudia, così come su tutto il litorale pontino, che ha portato ad un vero e proprio assalto delle spiagge da parte di cittadini e di turisti. Complice anche il lungo ponte di questo primo week end di giugno e la festività di ieri in molti hanno scelto la nota località balneare pontina per una giornata all'insegna del mare, del sole e della tintarella. Tanti anche coloro che hanno riaperto le seconde case in vista di quella che si preannuncia una lunga estate. In migliaia si sono riversati sul lungomare e sulle spiagge tanto che, già dalle prime ore del mattino, i posti auto risultavano esauriti e la gente vagava alla ricerca vana di un parcheggio. Un lungo serpentone lungo oltre 20 chilometri, quanto è lungo il litorale della città delle dune.


Una giornata di inferno anche per chi ha scelto Pontina, Litoranea e vie limitrofe per raggiungere il mare. Si sono registrati lunghi incolonnamenti di auto e file interminabili che hanno messo a dura prova la pazienza degli automobilisti e dei bagnanti. Fin dal mattino le spiagge si sono riempite di ombrelloni e di lettini ma anche di persone giunte perlopiù da Roma e dai comuni vicini per concedersi un'intera giornata di relax.
Pienone anche negli stabilimenti balneari e nei chioschi che hanno riaperto e che registrato un gran numero di prenotazioni e di accessi. Nessuna traccia della protesta annunciata dai balneari che avrebbero dovuto chiudere gli ombrelloni proprio nella giornata del 2 giugno, a mezzogiorno, diffondendo in contemporanea l'inno di Mameli. Le attività sono invece rimaste regolarmente aperte.


Non si registrava una fine di maggio ed un inizio di giugno così caldo da diverso tempo. Di sicuro l'abbassamento delle misure anti covid ha favorito anche la voglia di libertà e di svago. Dopo due anni di restrizioni e di paure questa è la prima vera estate che regala un po' di serenità. Certo questo primo assaggio di stagione balneare ha messo in luce tutte le problematiche che si verificano ogni anni a partire dalla carenza cronica di posti auto e si spera che nelle prossime settimane, con la riapertura dei parcheggi di scambio la situazione possa migliorare. Ora si attende anche il ritorno dei vip che tanto amano Sabaudia e che non tarderanno di certo a fare capolino sulle dune per accendere i riflettori su una delle spiagge più glamour e gettonate del litorale pontino. I paparazzi già si preparano agli scoop dell'estate 2022. Quel che è certo è che la giornata di ieri ha dimostrato che c'è una grande voglia di mare e di vacanze e che quella che si è già di fatto avviata potrebbe essere una stagione da record.

© RIPRODUZIONE RISERVATA